Spumanti, le bollicine italiane sono le migliori per brindare | StampToscana
energee3
logo stamptoscana
thedotcompany
blog words
Il blog di Francesco Colonna
America

Spumanti, le bollicine italiane sono le migliori per brindare

Le bollicine italiane stanno andando sempre meglio. Merito della grande qualità che i produttori mettono in campo, è il caso di dirlo, ma anche in cantina. In parte di merito va anche ai consumatori che sono sempre più informati e attenti e, soprattutto, preparati.

L’Italia ha ormai superato la Francia nella produzione di vini spumanti, una produzione ricca, con proposte che possono soddisfare tutti i gusti. Franciacorta, Conegliano Valdobbiadene, Trento Doc e personalmente segnalerei anche il Lessini Durello DOC prodotto in una piccola zona tra le province di Verona e Vicenza da Durella, un vitigno autoctono che sta dando grandi soddisfazioni.

Gli spumanti italiani sono la scelta migliore per festeggiare e ogni regione, oggi, ha delle sue proposte interessanti.

Parlando dei soli spumanti ottenuti con metodo classico, cioè escludendo il prosecco, troviamo tra i migliori i vini prodotti in quelle che sono le principali zone produttive italiane: Franciacorta, Trentino, Oltrepò Pavese, in Piemonte Alta Langa e Lessini Durello in Veneto. Ma ottime bottiglie, di grande qualità e con meravigliosi sentori e perlage raffinati arrivano un po’ da tutta la penisola.

Gli spumanti prodotti nelle zone vocate con metodo classico, metodo analogo allo champenoise francese (la rifermentazione avviene in bottiglia con lieviti selezionati) seguono ognuno un rigoroso disciplinare perché nel nostro paese sul vino “non si scherza”.

IL metodo Charmant o Martinotti, invece, effettua la rifermentazione in recipienti di grandi dimensioni maturando più in fretta, regalando vini freschi e attraenti, bottiglie da bere subito come il prosecco che ci ha permesso di superare la Francia nelle percentuali di vendita di spumantizzati.

E ora qualche consiglio per le prossime feste.

Sicuramente il Lessini Durello come la  riserva Settecento33 2012 di cantina di Soave (Vr) per chi non lo avesse mai provato.  Il Franciacorta docg Millesimato brut Villa Crespia Millè 2008 della cantina Villa Crespia di Adro (Bs) considerato da quasi tutte le guide uno dei migliori con cui festeggiare quest’anno. Il Trento doc riserva brut nature 2011 cantina  Bellaveder di Faedo (Tn)

Comunque sia, regalatevi un bel brindisi e, almeno una bottiglia, acquistatela in enoteca facendovi consigliare, secondo il vostro budget di spesa. Il modo migliore per lasciarsi alle spalle questo 2016 è avvicinarsi al suo termine nel modo migliore!

 

Print Friendly

Translate »