Centro Ricerca Padule di Fucecchio, assemblea pubblica contro la chiusura | StampToscana
energee3
logo stamptoscana
thedotcompany
blog words
Il blog di Francesco Colonna
Voltagabbana

Centro Ricerca Padule di Fucecchio, assemblea pubblica contro la chiusura Ambiente, Breaking news

Anatidi_nel_Padule_di_Fucecchio.JPG

Larciano – Oltre 25 anni di ricerche, documentazioni, percorsi di promozione rischiano di essere messi nel nulla: il Centro di Ricerca del Padule di Fucecchio infatti sembra andare incontro a una fine ingloriosa e immeritata, con la chiusura decisa dagli enti territoriali. Una grande assemblea pubblica contro la chiusura è stata organizzata per questa sera a Larciano dalle associazioni Amici del Padule di Fucecchio, Comitato WWF di Pistoia e Prato, LegambienteLIPU sezione di Firenze, Italia Nostra e Slowfood Valdinievole. Si tratta del secondo evento, dopo il successo e l’enorme partecipazione dell’incontro tenuto a Monsummano nel mese di luglio. L’assemblea di questa sera, dal titolo  “Non Facciamolo Chiudere  martedì 12 settembre alle 21 presso la sala Il Progresso in via Marconi 14 (dietro al Comune).

“Con il licenziamento dei due soli dipendenti del Centro – ricorda la nota delle associazioni organizzatrici – si cancellerebbero di fatto tutte le attività realizzate non solo dal personale, ma anche da decine di collaboratori e volontari, senza una concreta alternativa per la gestione del Centro Visite e della Riserva Naturale del Padule di Fucecchio”.

La manifestazione a Larciano vedrà l’intervento, oltre ai rappresentanti degli enti organizzatoripersonalità di rilievo del mondo della cultura e della ricerca, che porteranno il proprio contributo a sostegno del Centro in una serata dove ci sarà, in veste di moderatore, Sandro Landucci, docente universitario del Dipartimento di Sociologia e Scienze Politiche dell’Università di Firenze.

Interverranno Leonardo Rombai (già ordinario di geografia presso il Dipartimento di Storia, Archeologia e Geografia dell’Università di Firenze), Giorgio Pizziolo (docente di Analisi e Pianificazione del Territorio presso la facoltà di Architettura dell’Università di Firenze) e Roberto Barontini (Presidente dell’Istituto Storico della Resistenza di Pistoia).
Sono inoltre previsti interventi di Renato Ceccherelli (veterinario presso il CRUMA di Livorno) ed Emiliano Arcamone (Centro Ornitologico Toscano), oltre che di esponenti di altri enti del territorio come ARCI e CGIL, e testimonianze di Guide Ambientali Volontarie e Guide Ambientali Escursionistiche.

Non si parlerà solo del Padule di Fucecchio, ma anche della situazione delle aree protette in Toscana e nel resto del Paese: in programma un collegamento telefonico con l’On. Serena Pellegrino, che si sta battendo alla Camera per ostacolare una legge di riforma delle aree protette che nuocerebbe gravemente alla natura.

Durante la serata verranno proiettate immagini sul Padule e sulle attività svolte dal personale, dai collaboratori e dai volontari del Centro, e si farà il punto sulle varie iniziative in corso, dalla raccolta di firme per chiedere ai Comuni di Larciano e Lamporecchio di rientrare nel Centro all’appello degli insegnanti.

La serata è aperta a tutti gli interessati, e gli organizzatori invitano a partecipare in massa per dare un segnale forte in difesa del Centro, del Padule e più in generale della natura in Toscana, “beni inestimabili della comunità, per i quali si richiedono misure di tutela e valorizzazione basate su criteri scientifici e professionalità adeguate”.

Print Friendly


Translate »