Referendum 17 aprile, dossier Italia Nostra: L’Italia non è il Texas | StampToscana
after festival reggio emilia
logo stamptoscana
badzar
after festival reggio emilia
badzar

Referendum 17 aprile, dossier Italia Nostra: L’Italia non è il Texas Ambiente

Roma –  Il “Texas italiano” è  la regione con il Pil più basso d’’Italia (-6,1%), la Basilicata, con le royalties petrolifere più basse del mondo (139 milioni di euro nel 2011) e soli 143 residenti impiegati nel settore estrattivo a fronte di 576mila abitanti.  L’attività estrattiva genera rischi geologici e sismici, produzione di rifiuti pericolosi, inquinamento di suolo, sottosuolo, aria e risorse idriche strategiche a fronte di vantaggi economici irrisori: royalties più basse d’Europa (4-10% sul valore di vendita dei prodotti estratti), spopolamento delle aree interessate, danni all’industria del turismo. Italia Nostra, da sempre in prima linea per la tutela del patrimonio ambientale e paesaggistico, architettonico e culturale, che significano benessere, turismo ed economia, si mobilita in vista del referendum sul rinnovo delle concessioni estrattive del prossimo 17 aprile. E invita i cittadini ad andare a votare per raggiungere il quorum del 50%, esprimendosi con il “sì”, per tutelare la salute umana e il patrimonio ambientale, messi in pericolo dall’attività di estrazione degli idrocarburi, in contrasto con il dettato della Costituzione italiana (art. 9).

Italia Nostra ha già aderito al Comitato nazionale delle associazioni “Vota SÌ per fermare le trivelle”, in vista del Referendum del 17 aprile, ha riunito a Roma soci ed esperti per elaborare un documento da diffondere ai cittadini, anche attraverso la sua rete di oltre 12mila soci e volontari e le 191 sezioni sparse da Nord a Sud del Paese, per spiegare loro, in modo semplice e chiaro, i “veri e reali” danni che le trivellazioni, a mare e in terra, provocano al nostro territorio e alla salute degli italiani. Tutto ciò evidenziando che, a fronte di un utile dell’attività estrattiva di ben 7 miliardi a favore delle compagnie petrolifere nel 2014, il ritorno economico per la collettività ammonta solo a 402 milioni di euro di royalties di concessione (le più basse d’Europa).

Il referendum – spiega Italia Nostra – è un’opportunità unica per bloccare future attività di trivellazione offshore e sulla terra ferma fino a quando non sarà elaborato un Piano energetico Nazionale coerente con l’accordo sul clima COP21 approvato il 12 dicembre 2015 a Parigi da 195 Stati, , che ha riconosciuto il rischio incalcolabile provocato dai carburanti fossili per la sopravvivenza del genere umano e del pianeta.

Italia Nostra presenta il dossier “L’Italia non è il Texas”, che  si apre con un intervento di Marco Parini, presidente di Italia Nostra, che sottolinea come “La ricerca indiscriminata e in ogni dove di idrocarburi risponde a suggestioni economiche sbagliate, momentanee, che porterebbero a danni permanenti al paesaggio italiano pregiudicato da impianti estrattivi deturpanti e inquinanti, alle coste compromesse da infrastrutture petrolifere, alle acque territoriali con torri di trivellazione, alle isole, come le Tremiti, minacciate nella loro conservazione. In questi anni a quanti disastri da sversamento in mare di petrolio abbiamo assistito. Quali effetti avrebbero le prospezioni, le trivellazioni e il prelievo sul delicato equilibrio geologico del nostro Paese? Quali danni, permanenti, arrecherebbero alle campagne, all’agricoltura, alla pesca, al commercio, al turismo ed ai lavoratori addetti? Quali effetti si avrebbero sulla salute dei cittadini? Il nostro paesaggio, i nostri borghi storici subirebbero un danno enorme da queste scelte”.

L’invocato vantaggio occupazionale non esiste in quanto gli impianti estrattivi occupano pochi addetti – prosegue Parini – e l’effetto che le trivelle produrrebbero sull’economia del territorio, dall’agricoltura, al commercio, al turismo sarebbe anche numericamente ben più grave. Anche la più cinica delle valutazioni meramente economiche non troverebbe alcun vantaggio da questo programma se non, forse, dal momentaneo valore azionario delle società aggiudicatrici o dall’utile che ne trarrebbero costruttori e fornitori d’impianti. Italia Nostra continuerà nella sua azione contro questa sciagura nazionale con seminari, studi e approfondimenti. Lavorerà con le altre associazioni e comitati nazionali e locali per contrastare questo dissennato progetto”.

Il dossier di Italia Nostra prosegue con le sintesi dei contributi del prof. Giuseppe Gisotti, presidente SIGEA (Società Italiana di Geologia Ambientale), che ha evidenziato i rischi geologici ambientali di inquinamento del suolo, sottosuolo, acque superficiali e profonde; del prof. Franco Ortolani, docente di Geologia all’Università Federico II di Napoli, che ha posto l’accento sulla possibilità che in alcuni casi la subsidenza possa influenzare l’attività sismica e il rischio di compromettere in modo definitivo e irreversibile la disponibilità qualitativa e quantitativa delle risorse idriche che dovrebbero invece essere inserite, con apposito provvedimento legislativo, in “Piani di tutela delle acque”; del prof. Alessandro Segale, docente di Economia Ambientale e Marketing del turismo all’Università Statale di Milano, che ha messo in risalto la mancanza di convenienza economica dell’impresa estrattiva nella situazione italiana e il danno che invece essa provoca alle altre attività economiche del territorio in particolare all’agricoltura, al paesaggio, alla pesca e al turismo sostenibile; e della prof.ssa Mariarita D’Orsogna, docente di Matematica presso la Columbia University di Los Angeles, che ha sottolineato come a livello mondiale esiste un saldo del tutto negativo dei livelli occupazionali tra la “nuova” occupazione e quella preesistente nei territori interessati dalle perforazioni.

Nuove autorizzazioni e concessioni
Eppure qualche giorno dopo la conferenza sul clima di Parigi, la regione Sardegna ha presentato il proprio Piano Energetico in cui è prevista – prosegue la nota di Italia Nostra – la costruzione di una centrale termoelettrica a carbone, mentre il governo italiano ha autorizzato ricerche di petrolio di fronte alle Isole Tremiti, uno dei siti turistici più importanti d’Europa. Ma sono tanti i paradisi ambientali in pericolo, sono in corso di autorizzazione, ad esempio, permessi di fronte l’isola di Pantelleria e nel golfo di Taranto.

Estrazioni, la situazione attuale
In Italia sono vigenti 83 permessi di ricerca per idrocarburi sulla terraferma (Basilicata, Campania, Calabria, Puglia, Molise, Abruzzo, Sardegna, Marche, Emilia Romagna, Friuli) e 24 permessi nel sottofondo marino. Le concessioni su terraferma sono 119 e quelle in mare 72, mentre le nuove istanze presentate per permessi di ricerca sono 57 in terraferma e 36 in mare. Attualmente la superfice in cui è concessa attività di coltivazione degli idrocarburi in zone marine rappresenta circa il 25% della superficie totale della piattaforma continentale italiana (139.656 kmq). Una delle aree maggiormente interessate dalla ricerca e dalla coltivazione è il mar Adriatico, un “mare chiuso” dall’ecosistema estremamente fragile, già messo a dura prova con 78 concessioni attive per l’estrazione di gas e petrolio, 17 permessi di ricerca già rilasciati nell’area italiana e 29 in fase di rilascio in quella croata, a cui si aggiungono 24 richieste avanzate per il tratto italiano, per un’area complessiva di circa 55.595 kmq.

I pericoli per ambiente e salute
Le attività e i composti chimici necessari per le indagini e le trivellazioni (260 sostanze coperte dal segreto industriale, molte di queste tossiche, cancerogene e mutagene) e lo smaltimento degli scarti delle lavorazioni (acque spesso radioattive) comportano alti rischi per la salubrità del suolo, del sottosuolo, delle falde acquifere, dell’aria (ossidi di azoto e di zolfo acidi emessi dagli impianti) e delle risorse idriche strategiche per alcuni territori del Sud. Un impatto che può essere aggravato dall’omissione delle corrette procedure estrattive per incompetenza tecnica o utilità commerciale, con conseguenti contaminazioni del territorio (fessurazioni dei pozzi e sversamenti), a fronte di controlli non sempre efficaci spesso a causa di conflitti di interesse.

Approssimazioni nel rilascio dei permessi e controlli a rischio
Poche le certezze anche sul fronte del rilascio dei permessi. Il processo autorizzativo in alcuni casi è approssimativo: mancanza dei requisiti tecnici ed economici delle ditte, inesattezze nelle procedure di VIA (Valutazione Impatto Ambientale), palesi conflitti di interesse nei commissari, un componente della commissione VIA ex amministratore di un comune sciolto per mafia. In Basilicata, il giacimento più grande d’Europa l’ARPA, non ha laboratori accreditati, il direttore è di nomina politica, e si prevede di affidare i monitoraggi ambientali a società private.

Rischio sismico e danni ad attività economiche e turismo
Le trivellazioni modificano l’assetto geologico (subsidenza o sprofondamento del terreno/fondale marino), incidendo sul rischio sismico dei territori interessati, compromettono il paesaggio mettendo a repentaglio l’agricoltura e la pesca (moria di fauna ittica per gli esplosivi usati nelle indagini marine, microcistine cancerogene trovate nei pesci morti negli invasi lucani vicini agli impianti), con ricadute pericolose sulla salute umana e sulle attività economiche locali. L’attività estrattiva danneggia infine una delle principali industrie del Paese, il turismo, che solo nelle località adriatiche vale 19 miliardi di euro (secondo Unioncamere il 30% degli stranieri sceglie questa destinazione proprio per la qualità del patrimonio naturalistico). Questa importante risorsa economica e occupazionale rischia di essere compromessa dal moltiplicarsi degli impianti estrattivi presenti e in arrivo nel mar Adriatico, al netto del pericolo di incidenti che potrebbero causare conseguenze catastrofiche sull’ecosistema.

Vantaggi energetici irrisori
In cambio le estrazioni di idrocarburi offrono vantaggi irrisori sotto il profilo energetico ed economico: i giacimenti italiani rappresentano quantità infinitesimali delle riserve mondiali e sono di breve durata se è vero, come scrive il Ministero dello Sviluppo Economico, che le nostre riserve di idrocarburi ammontano a 130 milioni di tonnellate, di cui solo il 30%, circa 40 milioni, definite “certe” (il 50% sono “probabili”, il 20% “possibili”), destinate quindi a esaurirsi in poco tempo al ritmo di 6 milioni di tonnellate di petrolio e 5 di gas estratti all’anno (dato 2015).

Royalties più basse d’Europa
Anche le royalties pagate dai petrolieri sono le più basse d’Europa: 402 milioni di euro a fronte di utili da attività estrattiva pari a 7 miliardi nel 2014 (7% e 4% sul valore di vendita rispettivamente di petrolio e di gas estratti in mare, 10% per i prodotti estratti sulla terraferma), mentre i territori interessati dai pozzi si spopolano e si impoveriscono, come testimonia il caso della Basilicata, dove si estrae l’’80% del petrolio nazionale: il “Texas italiano” è infatti la regione con il Pil più basso d’Italia (-6,1%), con le royalties petrolifere più basse del mondo (139 milioni di euro nel 2011) e soli 143 residenti impiegati nel settore estrattivo a fronte di 576mila abitanti. Qui l’oro nero entra in competizione con il cosiddetto “oro bianco”: le trivellazioni mettono infatti a rischio le riserve idriche strategiche per il territorio sia a causa dell’inquinamento prodotto, sia ai “costi” di estrazione: 8-10 litri d’acqua per ogni litro di greggio. Italia Nostra propone di istituire i “Santuari dell’acqua” per salvaguardare il più grande serbatoio idrico dell’Italia centro-meridionale, che fornisce acqua a milioni di abitanti tra Basilicata, Puglia, Calabria e Campania

Print Friendly, PDF & Email


Translate »