“Corniche Kennedy” di Dominique Cabrera e la sfida all’abisso a Cinema e Donne | StampToscana
after festival reggio emilia
logo stamptoscana
badzar
after festival reggio emilia
badzar

“Corniche Kennedy” di Dominique Cabrera e la sfida all’abisso a Cinema e Donne Cinema

Corniche Kennedy di Dominque Cabrera

Firenze – Il 39° Festival Internazionale di Cinema e Donne prosegue giovedì 9 novembre, al cinema “La Compagnia” , in via Cavour, 50/r, alla presenza della ricercatrice Mariann Lewinsky. Dalle ore 17 in programma proiezioni di cinema muto, accompagnate da musica dal vivo, e il film su Ella Maillart, viaggiatrice, scrittrice e cinereporter.

Al termine delle proiezioni si terrà, alle 19.00, l’incontro-lezione ‘Ricerca, cura e restauro del cinema, la mia avventura’ alla presenza di Mariann Lewinsky. La serata del festival è dedicata alle culture del Mediterraneo

Alle 21.00, anteprima italiana di “Corniche Kennedy” di Dominique Cabrera, il film che ha irritato il sindaco di Marsiglia per le riprese dedicate ai pericolosi tuffi in mare dei ragazzi delle periferie della città, dove vivono giovanissimi immigrati di seconda e terza generazione. Nel film i giovani protagonisti  ridono, sfidando i precipizi, ma hanno alle spalle una quotidianità molto più pericolosa, che devono affrontare da soli e senza aiuti.

A seguire, ancora film che portano lo spettatore sulle coste del Mediterraneo con l’anteprima di “In Between”, di Tatiana Forese: il Marocco come meta di un’emigrazione che ci sorprende. Cinque donne italiane, tra cui la regista stessa, decidono di trasferirsi nel paese africano, condividendo fatiche e opportunità e raccontando le sorprese di una scelta contro corrente.

Evento speciale (Saletta Mymovies ore 16) “Volevo solo cambiare il mondo”, un breve filmato di Marco Bazzichi a cura dell’associazione Paraplegici Onlus di Firenze e a seguire il film “La cena di Toni” di Elisabetta Pandimiglio, che documenta l’esperienza di un noto giornalista fermato a 53 anni dalla malattia, che si scontra con burocrazia e moralismo nel tentativo di utilizzare i farmaci ottenuti dalla cannabis per migliorare la propria vita.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento


Translate »