Il prigioniero coreano: Kim Ki-Duk racconta la Corea divisa | StampToscana
after festival reggio emilia
logo stamptoscana
badzar
after festival reggio emilia
badzar

Il prigioniero coreano: Kim Ki-Duk racconta la Corea divisa Cinema

prigioniero coreano

Firenze – Al Cinema Stensen di Firenze Il prigioniero coreano’, il nuovo film di Kim Ki-Duk. Il film, in anteprima nazionale dopo il passaggio nei festival, racconta le due Coree divise dalla guerra e riflette sul tema della libertà (Lunedi 26 febbraio – alle 16.40, 19 e 21.15).

Un povero pescatore della Corea del Nord sconfina involontariamente nella Corea del Sud. Da quel momento entra in un vortice di interrogatori senza via d’uscita se non quella di piegarsi alla volontà altrui. Solo un ragazzo riesce a leggere il suo animo oltre le ideologie, e comprenderne l’innocenza. Ma, nonostante ciò, la strada per la libertà è lunga e difficoltosa. Quale libertà poi? Esiste in assoluto o esistono solo differenti gradi di libertà? E’ inoltre possibile costringere alla libertà o è una contraddizione tale da essere solo un’altra forma di violenza?

Kim Ki-duk racconta, con l’intimità toccante di chi l’ha vissuto, il proprio paese diviso dalla guerra, dal sospetto e dalla ferocia dell’ideologia. Da una parte la dittatura nord coreana, dall’altra la società dei consumi sud coreana. Un film drammaticamente attuale e universale.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento


Translate »