E’ scomparso Graziano Braschi, il mondo della cultura è più povero | StampToscana
energee3
logo stamptoscana
thedotcompany
blog words
Il blog di Francesco Colonna
Europa

E’ scomparso Graziano Braschi, il mondo della cultura è più povero Cultura

imgres

Firenze – Non avremmo mai voluto scrivere queste righe. La scomparsa improvvisa di Graziano Braschi, di Stamp prezioso amico e collaboratore, scrittore finissimo, grande cultore di criminologia e gialli, ci lascia addolorati e quasi increduli. La redazione di Stamp si stringe intorno ai suoi cari.

Per Stamp Graziano aveva realizzato un blog originale e divertente, cui solo un esperto come lui poteva mettere mano: Stradario Criminale, un lavoro certosino che ricostruiva i passaggi, gli svincoli della Firenze nera, quella lunare e per certi versi insospettata che alberga fra le antiche glorie artistiche e culturali della Firenze “da vendere”. Non solo, con lo pseudonimo di Franco Valleri che vale anche per il docente universitario discendente da stirpe di giornalisti fiorentini  Stefano Martinelli, avevano dato vita a quattro mani al primo e-book di Stamp, “Brevi di cronaca nera”. 

arrivederci mondoSarebbe troppo lungo ripercorrere le tappe delle sua attività, da bibliotecario agli anni della collaborazione con il Gabinetto Viesseux di Firenze, o ricordare i suoi libri, la sua capacità e passione per quella letteratura che ruota intorno al poliziesco, alle trame dell’assassinio e del mistero, in una parola al “giallo” in tutti i suoi risvolti. Tanti i libri che ha scritto, fra i quali il suo ultimo libro, “Piazza della Passera e altre storie fiorentine” con lo pseudonimo di Franco Valleri. Per quanto riguarda Stamp, vorremmo invece attirare l’attenzione su un suo piccolo libro, che pur essendo passato quasi inosservato è  folgorante circa la qualità della scrittura e la ricchezza della sua formazione culturale. Si tratta di “Arrivederci mondo”, edito nel marzo del 2013, una storia in cui ritroviamo l’Italia degli inizi anni ’70, un colpo di Stato, Italo soldato in fuga,  il Gatto e la Volpe, il Carabiniere, situazioni paradossali di gusto toscano e stravolgente. Bene, solo un grande scrittore può inventare e reggere una trama così stralunata e un “viaggio” così divertente e sarcastico sulle rovine di quella che si rivela una ben povera Italia. Un grande e sconosciuto ai più contributo alla letteratura satirico-politica che il-bisonte-della-vodkaùricorda molto da vicino “I Viaggi di Gulliver” di Swift.

 

Del resto di questa vena fantastica e a suo modo “lunare”, Graziano aveva dato prova anche in un’altra delle sue attività, quella di disegnatore umoristico e autore di serigrafie, che aveva visto nei “bestiari” concentrarsi il suo interesse e il suo acume.

Per chi vuole dare l’ultimo saluto a Graziano,  si può recare oggi nel pomeriggio  presso le cappelle del commiato del cimitero di Antella. Il funerale sarà giovedì 15 ottobre alle ore 10.00 nella chiesa della Pentecoste di Bagno a Ripoli.

Print Friendly


Translate »