Goût de France nella francofonia | StampToscana
energee3
logo stamptoscana
thedotcompany
blog words
Il blog di Francesco Colonna
Voltagabbana

Goût de France nella francofonia Cultura

artusi

Firenze - La sera del 21 marzo, per il terzo anno consecutivo Goût de/Good France riunirà più di 2.000 chef di tutto il mondo per celebrare la gastronomia francese. Ogni ristorante che partecipa alla manifestazione proporrà un menù speciale per rendere omaggio all’eccellenza della cucina francese, alla sua capacità di innovare e ai valori che promuove: condivisione, piacere, rispetto del “mangiare-bene”.

A proposito di rapporti culinari fra Italia e Francia all’Institu Francais Firenze verrà presentata la traduzione integrale de “La Scienza in cucina e l’arte di mangiare bene” di Pellegrino Artusi a Parigi, Marsiglia, Cassis, Arles, Lione, Bruxelles, Gandi, realizzata in occasione della Prima Settimana della cucina italiana nel mondo dalla Regione Emilia-Romagna e Casa Artusi .

Il libro è una vera bibbia della cucina italiana, che il suo autore ha codificato, lavorando ugualmente sull’unificazione linguistica. Artusi l’ha arricchito per tutta la sua vita, passando de 475 à 790 ricette presenti nell’edizione finale del 1911. Questa traduzione integrale è la prima in Francia: è stato pubblicato dalla Casa Editrice Actes

 Nel corso delle conferenza Marguerite Pozzoli evocherà l’itinerario atipico di un manuale di cucina che, pubblicato a spese dell’autore nel 1891, avrà via via un successo nazionale ed internazionale, dopo essersi arricchito, un’edizione dopo l’altra e fino alla morte dell’Artusi, di innumerevoli ricette, diventando una testimonianza non solo culinaria ma anche storica, sociologica e linguistica della storia italiana. Direttrice da più di trent’anni della collana Lettres italiennes per le edizioni Actes Sud, Marguerite Pozzuoli ha tradotto un centinaio di libri dei più importanti autori italiani tra cui: Pirandello, Pasolini, Ortese, Benni, Maggiani, Pressburger, Magrelli, Saviano.
L’elenco dei ristoranti aderenti alla manifestazione Goût de/Good France:

 

Print Friendly


Translate »