CULTURA

Venerdì 14 Settembre, 2012 - 9:40 da Sebastiana Gangemi

Libri:“I Pappagalli”, ultimo romanzo di Filippo Bologna

Una sorta di commedia all’italiana con accenti noir e pagine divertenti condite da tanta ironia. Il cielo di Roma invaso dalle più strane specie di uccelli fa da sfondo alla storia che punta l’obiettivo su un premio letterario conteso dai tre finalisti: lo Scrittore, l'Esordiente e il Maestro


Libri:“I Pappagalli”, ultimo romanzo di Filippo Bologna Firenze - Potremmo definire “I Pappagalli”, l’ultimo romanzo di Filippo Bologna, una sorta di commedia all’italiana con accenti noir e pagine divertenti condite da tanta ironia. Il cielo di Roma invaso dalle più strane specie di uccelli fa da sfondo alla storia che punta l’obiettivo su un premio letterario, in particolare il più antico e prestigioso in Italia conteso dai tre finalisti che non potevano essere altri che lo Scrittore, l’Esordiente e il Maestro. Si aboliscono i nomi propri e i protagonisti diventano i ruoli paradigmatici insieme ad alcune figure collaterali, l’Editore, la Fidanzata, la Seconda moglie, il Direttore della Piccola Casa Editrice, la Madrina e così via. La narrazione è scandita da tappe temporali, sempre più ravvicinate, fino ad arrivare al giorno della finale del premio con un ritmo sostenuto e colpi di scena crescenti fino alla definizione del quadro ultimo. Niente ci è dato sapere delle loro opere, grande esclusa dal racconto è proprio la letteratura, mentre il focus è tutto sui tre personaggi osservati a distanza dall’autore con sguardo impietoso e sottilmente ironico.

Tra ambizioni, miserie, vanità, da una parte  la  spregiudicatezza di chi saprà spingersi fino ad accettare una proposta inverosimile, inscenare un suicidio-sparizione pur di conquistare la fama eterna, dall’altra chi dovrà far marcia indietro e far di tutto per non vincere, mentre chi è ormai alla fine della sua carriera non ha più niente da perdere al punto di mettere sul piatto il proprio stato di salute. Un mondo, quello che si muove intorno all’editoria e ai premi letterari  di cui l’autore sembra conoscerne molto bene i meccanismi. Filippo Bologna, classe 1978, sceneggiatore e scrittore, originario di San Casciano dei Bagni è al suo secondo romanzo, ha esordito con il libro “Come ho perso la guerra”, sempre per Fandango Libri, vincitore del Premio Fiesole e del Premio Bagutta Opera Prima. Senza dubbio una lettura molto piacevole, divertente e irriverente, uno spaccato  della società letteraria contemporanea in Italia come nessuno ad oggi è riuscito a fare. Il libro termina con un omaggio a Federigo Tozzi, uno stralcio da “Bestie”  una serie di liriche pubblicate nel 1917 che lo consacrava alla vita di scrittore, di non facile interpretazione, con il celebre inizio in cui compare l’allodola con il suo bisogno di elevazione e che ritroveremo alla fine del testo: “Ci si sta così bene a piangere con la faccia su l’erba fresca che arriva fino all’anima. L’allodola! Piglia la mia anima!”

Titolo : I Pappagalli
Autore : Filippo Bologna
Editore : Fandango Libri
Pagine: 310
Prezzo 16,50

 

© STAMPTOSCANA - RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Sabato 14 Aprile, 2012 - 12:51 da SteVal

“I padri di Raul”  romanzo di nuove ipotesi famigliari

Sabato 1 Settembre, 2012 - 10:55 da Sebastiana Gangemi

La storia del Barone Gravina, omicidio e nemesi in una Sicilia senza tempo

ALTRI ARTICOLI DI CULTURA


COMMENTI

MySTAMP

giornalismo del cittadino

pubblica le tue news

Login

REGISTRATI

Altri articoli

Facebook Google+ Twitter RSS

Cinema


Spettacoli

  • The Stone River: i cavatori di Carrara nel Vermont

    The Stone River: i cavatori di Carrara nel Vermont

    In anteprima il documentario di Giovanni Donfrancesco sui cavatori di Carrara emigrati nel Vermont per lavorare nelle miniere di granito. Mercoledì 23 aprile, ore 21.30, Spazio Alfieri di Firenze,...

  • GuidaPulizie.it

STAMP è testata giornalistica online iscritta al numero 5842/2011 del Registro Stampa del Tribunale di Firenze
Editore: STAMP srl, società a responsabilità limitata con sede legale in Piazza C. Beccaria, 4 50121 – FIRENZE Codice fiscale e P.IVA: 06292150486
Direttore responsabile Piero Meucci