Serata per de André con Dori Ghezzi e Francesca Serafini | StampToscana
energee3
logo stamptoscana
thedotcompany

Serata per de André con Dori Ghezzi e Francesca Serafini Cultura

carrara1

Carrara – Nella sala di rappresentanza della Camera di Commercio e dell’Artigianato a Carrara, serata all’insegna della cultura e della musica dedicata a Fabrizio de André, con due ospiti importanti come Dori Ghezzi e la scrittrice e sceneggiatrice della fiction “Principe Libero” Francesca Serafini, unite per presentare il loro recente libro “Lui, io, noi…” (Einaudi), dove Dori Ghezzi racconta il legame con il marito visto con gli occhi di lei. Ad intermezzare le interviste, a cura del matematico e giornalista Carlo Romanelli e del docente di geografia e scrittore Riccardo Canesi (autore del recente libro “Le città da cantare” atlante semi-ragionato dei luoghi italiani cantati), i Kinnara, la band che da anni ropone il repertorio del grande Faber con grande perfezione e talento.

Organizzatrice e moderatrice dell’evento la giornalista Daniela Marzano, presidente di Apuania Film Commission, un’associazione attiva per valorizzare il patrimonio artistico, culturale e paesaggistico del territorio apuano, anche organizzatrice di eventi che, come questo, intendono dare risonanza alle peculiarità della nostra zona, nonché alle professionalità e risorse presenti.

Ad un anno esatto dalla presentazione del libro del regista televisivo Duccio Forzano, Apuania Film Commission ha organizzato un evento molto singolare, una presentazione di un libro a quattro mani, con due ospiti di calibro, articolato tra immagini in flashback, interpretazione di brani fondamentali del repertorio di De André ed aneddoti, grazie all’intervento a sorpresa del fotografo Reinhold Kohl che con la coppia De André-Ghezzi ha condiviso un lungo periodo di amicizia e storia musicale.

In aggiunta ai patrocini della Regione Toscana, dei Comuni di Carrara, Pontremoli e Fivizzano, dell’Accademia di Belle Arti di Carrara, delle Associazioni Culturalmente Toscana e Dintorni e Officine TOK, da ricordare quello dell’Associazione San Domenichino, curatrice dell’omonimo Premio letterario giunto alla 59^ edizione, che ha conferito a fine serata il premio a Fabrizio de André per l’”Eredità musicale” nelle mani della moglie Dori Ghezzi, grazie al presidente Giacomo Bugliani e al Segretario Dino Eschini, una scultura con la motivazione “Per essere riuscito a dare voce, con l’arte della canzone, ai più deboli, ai diversi, sempre in direzione ostinata e contraria, lasciando ai posteri un messaggio perenne e sempre attuale”.

Numerose le altre istituzioni presenti, il Presidente del Consiglio Regionale Eugenio Giani, che ha portato un saluto e un’attestazione di stima per l’organizzazione dell’evento e per Dori Ghezzi nel ricordo del marito, il Direttore della Camera di Commercio Enrico Ciabatti che ha fatto un saluto di benvenuto, i consiglieri comunali di Carrara Cesare Bassani e Gianenrico Spediacci, il neo-assessore alla cultura di Massa Eleonora Lama e il segretario generale nazionale di Assinrete Pietro Parodi.

“Vorrei fare un ringraziamento speciale e doveroso a tutte le duecento persone che hanno partecipato a questa serata che, purtroppo, ha dovuto essere ad invito per contenerne il numero per questioni di sicurezza – precisa la presidente Daniela Marzano – ma un grazie speciale a Studi d’Arte Michelangelo, al Rotary Club di Marina di Massa Riviera Apuana del Centenario distretto 2071, al gruppo Antares Grafica, alla Ali spa, al Dott.Marco Viganò, alla Glober srl, al Ristorante Uliveto e alla 2b Project che ci hanno dato un importante sostegno per la realizzazione dell’evento. E’ fondamentale che le associazioni, specie quelle no-profit che lavorano assiduamente per il territorio non si muovano sempre in autonomia e con le proprie risorse. E’ un atto di fiducia che spesso viene premiato con passione e qualità”.

A conclusione della presentazione la pittrice e scultrice Clara Mallegni, curatrice di una sua personale a Palazzo Binelli aperta fino al 20 luglio patrocinata dalla stessa Apuania Film Commission, ha donato due sue opere alle autrici.

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento


Translate »