Tutto il resto vien da sé: commovente romanzo sestese di Antonella Zucchini | StampToscana
energee3
logo stamptoscana
thedotcompany

Tutto il resto vien da sé: commovente romanzo sestese di Antonella Zucchini Cultura

tutto-il-resto-vien-da-se

Firenze - “Tutto il resto vien da sé”, il titolo del libro evoca un futuro di speranza nella  sofferta  e commovente storia che racconta, lasciando intendere al lettore che la soluzione non viene cercata nell’umana razionalità, ma nello scorrere della vita, conseguenza spesso del nostro agire e anche del destino.

E’ sicuramente il destino che ha fatto incontrare Loretta e Heinrich a Villa Torrigiani negli anni bui dell’occupazione tedesca in Toscana e precisamente nel piccolo borgo di Quinto, alle porte di Firenze ed è ancora il destino a farli innamorare, anche se il marito – Alvaro – è in guerra, anche se molti saranno ostili a Loretta,  proprio per questo amore vissuto, poi, in solitudine e dolore.

Una solitudine che viene spezzata per un attimo dall’animo generoso e sensibile di Alvaro nel momento più terribile. Lui l’ha amata davvero e non l’abbandona quando le urla di Loretta si perdono nei corridoi dell’Istituto degl’Innocenti.

Antonella Zucchini descrive e fa muovere i personaggi del romanzo con i loro pregi e difetti: i tradimenti dei fascisti, le nefandezze dei tedeschi, le invidie, le gelosie, i rancori del popolo che anima via di Palastreto, come su un palcoscenico tra storie che si intrecciano legate da un passato e presente nel racconto di Carlo – poi Don Carlo – e nella vera storia di Loretta, nascosta al figlio fino all’ultimo attimo di vita.

Don Carlo, smarrito: “Ho pianto tutte le mie lacrime e ora non ne ho più”, cerca conforto dalla zia Nella: “Ha patito tanto la tu’ mamma”, ma in fondo: “… chi sono io per condannarla?”… ama e fai quello che ti pare, tutto il resto vien da sé!

Buona lettura!

Antonella Zucchini è nata nel 1961 ed è autrice di commedie in lingua fiorentina. Le sue commedie si inseriscono nella tradizione della lingua fiorentina con particolare attenzione alla ricostruzione degli ambienti, alla cura delle storie e alla caratterizzazione dei personaggi.

Nel 2013 pubblica il romanzo Fiore di cappero – Ed. Giovane Holden – libro classificatosi terzo ex-aequo per la narrativa edita alla XXXII edizione del “Premio Firenze 2014”.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento


Translate »