Via al bando per il complesso di San Gimignano | StampToscana
energee3
logo stamptoscana
thedotcompany

Via al bando per il complesso di San Gimignano Cultura

rensering

Firenze - Da convento prima e carcere poi, a luogo aperto alla fruizione pubblica. Un’operazione dal forte valore simbolico e frutto di un grande lavoro di squadra. E una grande opportunità di investimento per tutto il territorio, per la Toscana e per l’Italia.

Con queste parole la vicepresidente e assessore alla cultura della Regione Toscana Monica Barni ha presentato il bando di gara che permetterà di realizzare il recupero e la valorizzazione dell’ex convento ed ex carcere di San Domenico, di proprietà del Comune di San Gimignano e della Regione Toscana. La procedura di gara pubblica di concessione in project financing per la selezione del partner privato è pubblicata sulla Gazzetta ufficiale europea. Il termine per la presentazione delle offerte è il 31 Maggio 2018.

Primo caso in Toscana di un bene che viene immesso sul mercato per una valorizzazione anche del territorio, l’operazione è stata illustrata stamani in sala Pegaso di Palazzo Strozzi Sacrati a Firenze, dalla vicepresidente Barni insieme al sindaco di San Gimignano Giacomo Bassi e al direttore dell’Agenzia del Demanio per Toscana e Umbria, Giuseppe Pisciotta.

“Questo accordo di valorizzazione, grazie a una procedura di federalismo demaniale – ha detto Barni – ci ha visto impegnati per anni, dal 2011. Ma questo lungo lavoro ci ha permesso di arrivare oggi a presentare un progetto di recupero e valorizzazione di un bene straordinario che si trova nel centro di una città altrettanto straordinaria e che sarà riaperto dopo mille anni alla pubblica fruizione”.

Soddisfatto anche il sindaco del Comune di San Gimignano, che ha ricordato come questa operazione possa cambiare davvero la città, implementare l’offerta culturale e turistica e diventare un’esperienza che può assurgere a modello replicabile.

Il San Domenico, situato nel centro storico su 9mila metri quadrati di superficie e risalente al XIV secolo, ha svolto funzioni di convento fino al 1787, per poi essere destinato a carcere fino al 1995, data dalla quale è rimasto per lo più inutilizzato. La valorizzazione dovrà garantire una riqualificazione in sintonia con le peculiarità storico-artistiche di San Gimignano, Sito Unesco dal 1990 e Bandiera Arancione del Touring Club Italiano. La durata della concessione non potrà superare i 70 anni e, per tale periodo, il business plan prevede un impegno per il concessionario di 59 milioni e ricavi per quasi 200 milioni.

Print Friendly

Lascia un commento


Translate »