Prevenzione e sicurezza sul lavoro, lettera di Bazzoni, operaio e Rls | StampToscana
energee3
logo stamptoscana
thedotcompany

Prevenzione e sicurezza sul lavoro, lettera di Bazzoni, operaio e Rls Breaking news, Dibattito politico

incidentesullavoro.jpg

Riceviamo e pubblichiamo da Marco Bazzoni, Operaio metalmeccanico e Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza-Firenze:

“In poco più di una settimana 4 morti sul lavoro in Toscana.Gli ultimi, 2 operai sul lavoro a Lucca il 1 Settembre per il cedimento della gru.E il 4 Settembre un gravissimo infortunio sul lavoro accaduto in una ditta di Cusona (zona industriale), dove un operaio di 51 anni e’ caduto da un tetto da un altezza di 4 metri e adesso e’ in prognosi riservata all’ospedale di Siena.Sono gia’ 47 le morti sul lavoro in Toscana dall’inizio anno, e questa situazione e’ davvero molto preoccupante.Proprio il 1 Settembre la Regione Toscana, con il decreto dirigenziale 11866 del 10 Agosto 2017 (pubblicato sul BURT il 23 Agosto), ha chiuso il Settore Prevenzione e sicurezza sui luoghi di lavoro.Loro la chiamano riorganizzazione, ma e’ ben peggio. Verra’ costituito un nuovo settore, generico, di cui si sa ben poco, che accorperà tante materie, dagli alimenti, alla veterinaria, ai vaccini, all’igiene pubblica, fino ad arrivare alla sicurezza sul lavoro.Dopo le parole di cordoglio del Governatore Enrico Rossi sulle ennesime morti sul lavoro, viene da domandarsi se e’ davvero al corrente della cancellazione di un intero settore.In ogni caso, credo sia giusto che dica qualcosa in merito al perche’ di questa cancellazione.Un nuovo settore, dove il dirigente incaricato, oltre ad una valanga di materie diverse tra loro, si trovera’ a gestire un personale formato da circa 50 persone.E’ proprio un salto nel passato la scelta della Regione Toscana, di calare il sipario sulla tutela delle lavoratrici e dei lavoratori.Una Regione, che fino a qualche anno fa, era punto di riferimento per quanto riguarda la salute e sicurezza sul lavoro.E’ inaccettabile che la Regione Toscana arretri sulla sicurezza sul lavoro, per giunta a Ferragosto.Se questa scelta e’ dettata dal risparmio, come dicono, perche’ non e’ stata fatta un anno fa, invece di tenere una dirigente a doppio incarico?C’e’ qualcosa che non mi torna.Non e’ sfuggito pero’ all’attenzione dei consiglieri regionali, visto che ci sono 3 interrogazioni in merito (una di Sinistra Italiana, una del M5s e una del F.d.I), compresa una mozione di Sinistra Italiana del 5 Settembre, che chiede a gran voce di dare centralita’ e autonomia al Settore Prevenzione e sicurezza sul luoghi di lavoro e di rivedere i contenuti del decreto 11866.Ci sono stati comunicati anche della Fiom Cgil Firenze e Cgil.Toscana.E’ preoccupante l’assoluto silenzio della Regione Toscana di fronte a questa situazione.Basta morti sul lavoro e piu’ salute e sicurezza sul lavoro”.

Print Friendly


Translate »