Bandi per creazione d’impresa, oltre 200 le domande accolte | StampToscana
energee3
logo stamptoscana
thedotcompany
blog words
Il blog di Francesco Colonna
Europa

Bandi per creazione d’impresa, oltre 200 le domande accolte Economia

imprese

Firenze – Sono 208 in tutto (su un totale di 310) le domande accolte dalla Regione per complessivi 5 milioni di euro finanziati nella forma del microcredito (a sostegno di oltre 7,3 mln di investimenti) relativamente ai due bandi PORCreO Fesr 2014-2020 aperti nell’ottobre 2015 per la creazione di imprese giovanili nei settori manifatturiero, commercio, turismo e terziario. Entrambi i bandi rientrano nell’ambito di Giovanisì, il progetto regionale per l’autonomia dei giovani. I bandi chiusi a metà febbraio sono stati sostituiti da un altro bando aperto l’1 marzo con le stesse finalità di sostegno alla creazione di impresa e con alcune novità interessanti che rafforzano il concreto sostegno regionali alle nuove imprese toscane.

Veniamo al dettaglio. Creazione d’impresa giovanile nel settore manifatturiero: domande presentate 121 di cui 28 da parte di persone fisiche, cioè di giovani che avvieranno un’attività di impresa nei 6 mesi successivi all’ammissione al microcredito. In particolare, 80 domande sono quelle deliberate positivamente, per un importo di finanziamento richiesto pari a 1 mln 868 mila euro a fronte di investimenti pari a 2 mln e 632 mila euro. Delle 41 ancora non finanziate: 20 non accolte, 9 in attesa delle integrazioni richieste, 6 rinunciate e 6 ancora in istruttoria. A livello territoriale, tra le domande accolte, in testa Firenze e Lucca con 15, Arezzo 14, quindi Massa Carrara e Pisa 9, Pistoia 7, Siena 4, Grosseto e Prato 3, Livorno 1.

Creazione d’impresa giovanile commercio, turismo e terziario: domande presentate 189 di cui 54 da parte di persone fisiche. 128 sono le domande accolte, per un importo di finanziamento richiesto pari a 3 mln 162 mila euro a fronte di investimenti pari a 4 mln 703 mila euro. Delle 61 non finanziate: 26 non accolte, 16 in attesa delle integrazioni, 11 rinunciate e 8 in istruttoria. Prevalenza all’apertura di pizzerie, panifici, gelaterie, alimentari, bar, ristoranti e bed and breakfast. Tra le province, rispetto alle domande accolte, prevale Firenze con 40, segue Arezzo con 18, Lucca 16, Livorno 15, Pisa 14, Siena 8, Prato e Grosseto 6, Massa Carrara 3, Pistoia 2.

Print Friendly


Translate »