Caro affitti, Firenze, Siena e Pisa fra le prime dieci | StampToscana
after festival reggio emilia
logo stamptoscana
badzar
after festival reggio emilia
badzar

Caro affitti, Firenze, Siena e Pisa fra le prime dieci Economia

Firenze – I dati provengono da un monitoraggio effettuato dall’Ufficio studi di Immobiliare.it, che ha messo a confronto la domanda, l’offerta e i prezzi degli immobili residenziali per quanto riguarda la locazione nel febbraio 2015. E ciò che è emerso è in qualche misura prevedibile: rispetto ad un anno fa, i canoni calano di poco (-2,1%), la domanda cresce (+9,9%). E l’offerta? Ecco la vera sorpresa: cala. Una contrazione pari a -7% rispetto a febbraio 2014. Paura dell’insolvenza, della tassazione, impiego delle strutture per bisogni familiari? O preferenza per forme di utilizzo diverse da quelle tradizionali?

In media, passando ai canoni di locazione, in Italia si spende mensilmente all’incirca 670 euro per un appartamento di 80 metri quadri. Ma le variazioni sono molto significative a livello regionale: il Lazio è la regione con gli affitti mediamente più cari, pari a 11,82 euro per metro quadro, contro la media nazionale dell’8,39 euro. Toscana al quarto posto, con una canone medio di 10,12 euro al metro quadro.

Andando per città, Roma, che pure rimane prima per prezzi di vendita di immobili residenziali, cede il passo, sulle locazioni, a Milano, dove s’arriva a pagare sui 600 euro per un monolocale e fino a 1200 euro per un trilocale. Per quanto riguarda le città toscane, sono ben tre le presenza fra le prime dieci della classifica. Firenze al terzo posto (530 euro al mese per un monolocale, mentre il trilocale varia fra 600 e 870 euro al mese); Siena e Pisa al sesto e settimo posto (420 e 410 euro per un monolocale).

Circa la voce “offerta”, contrattasi in modo molto significativo nel febbraio 2015 rispetto allo stesso periodo 2014, in ballo entra la tradizionale “ritrosia” degli italiani a mettere in affitto il proprio patrimonio immobiliare. Ma in realtà, a perdere la sua attrattività è, secondo l’analisi di Immobiliare.it, in buona sostanza il cosiddetto “affitto lungo”, in favore invece di conversioni degli stabili in casa vacanze o versione bed&breakfast. Senza escludere altre forme di affitto “breve”, come spiega Carlo Giordano, Amministratore Delegato di Immobiliare.it..

 

Print Friendly, PDF & Email


Translate »