Centrale geotermica innovativa a Castelnuovo Val di Cecina | StampToscana
after festival reggio emilia
logo stamptoscana
badzar
after festival reggio emilia
badzar

Centrale geotermica innovativa a Castelnuovo Val di Cecina Economia, Innovazione

Firenze – Graziella Green Power e il player mondiale dell’energia ENGIE, attraverso le sue filiali Storengy e ENGIE Italia, hanno siglato presso Confindustria Firenze un accordo per la realizzazione di un innovativo impianto geotermico a ciclo binario a Castelnuovo Val di Cecina (Pi). Ne dà notizia un comunicato dell’azienda.

Il progetto, i cui lavori inizieranno nel 2019, prevede la progettazione, la costruzione e la gestione di un impianto geotermico di 5 MWe di potenza. La centrale sarà ad impatto ambientale zero grazie ad un’innovativa soluzione: il fluido geotermico prelevato dal sottosuolo, dopo aver generato energia elettrica, verrà totalmente re-immesso nello stesso sottosuolo insieme a gas non condensabili (CO2 e altri), con un ciclo produttivo, quindi, senza emissioni nell’atmosfera.

A pieno regime, l’impianto geotermico produrrà una quantità di energia annua stimata intorno ai 40.000 MWh (sufficiente per fornire energia elettrica a 14.000 famiglie), con significativi benefici economici per la comunità locale. Inoltre, per assicurare il minimo impatto ambientale sul territorio, l’impianto è stato progettato in armonia con il contesto paesaggistico, a basso impatto visivo e senza torri di evaporazione.

«La nostra azienda cercava un partner solido per realizzare progetti innovativi nell’ambito della geotermiapuntualizza Iacopo Magrini, CEO Graziella Green Power,ed ENGIE aveva l’obiettivo di rafforzare il suo impegno anche verso le energie rinnovabili. Il lavoro da noi svolto fino adesso, insieme alle competenze e al know how di ENGIE e di Storengy, permetterà di aprire nuove strade per il futuro del settore geotermico italiano».

Non appena ottenute le autorizzazioni amministrative, inizieranno le opere civili e le trivellazioni. ENGIE Italia fornirà il proprio background industriale per il project management e la gestione degli impianti, e Storengy, con un’esperienza riconosciuta a livello internazionale di know how del sottosuolo, si occuperà delle trivellazioni e delle attività di geoscienza. Graziella Green Power fornirà il proprio supporto nell’esplorazione del sottosuolo e nelle attività di trivellazione, facendosi parte attiva sul territorio nelle attività di project e site management.

«Nella strategia di Storengy, impegnata nella transizione energetica, l’energia geotermica rappresenta un elemento chiave – spiega Cécile Prévieu, CEO Storengy.La partnership con Graziella Green Power rappresenta una grande opportunità di far parte di un progetto realmente innovativo con il nostro primo impianto geotermico in Italia».

«Questo progetto è un esempio concreto che va nella direzione della nostra visione: un mondo in 3D, decarbonizzato, decentralizzato, digitalizzato dichiara Olivier Jacquier, CEO ENGIE Italia.ENGIE vuole essere attore di questa visione, attraverso lo sviluppo delle fonti rinnovabili e dell’efficienza energetica, con la fondamentale spinta dell’innovazione, principale driver di tutte le nostre soluzioni. Operiamo su tutto il territorio nazionale, in Toscana ad esempio con l’Università di Firenze, la Provincia e l’Azienda Universitaria Ospedaliera Pisana, per aiutare le istituzioni e le comunità a gestire in modo efficiente l’energia e le proprie risorse. La realizzazione dell’innovativa centrale geotermica, in partnership con una società attiva sulle rinnovabili come Graziella Green Power, ci permette di creare nuovi posti di lavoro, di preservare l’ambiente, di essere coerenti e determinati riguardo al nostro scopo: uniti per un progresso armonioso».

Il progetto di Castelnuovo Val di Cecina è frutto dell’azienda aretina Graziella Green Power che, attiva all’interno di Graziella Holding, è da sempre impegnata nello sviluppo della produzione di energia da fonti rinnovabili e che ha scelto di investire sulla valorizzazione delle risorse geotermiche presenti nel sottosuolo toscano.

Print Friendly, PDF & Email


Translate »