‘Mentre cambi sono con te’: dieci storie per capire l’analisi transazionale | StampToscana
energee3
logo stamptoscana
thedotcompany

‘Mentre cambi sono con te’: dieci storie per capire l’analisi transazionale Firenze

Immagine dalla copertina del libro dei membri di Doceat

Il libro, a cura del medico psicoterapeuta Silvia Grassi e della psicologa Laura Ricci, entrambe analiste transazionali, sarà presentato il 19 febbraio alla Fondazione il Fiore di Firenze. Coordina la presidente Maria Giuseppina Caramella. Ingresso libero.

————————–

I metodi dell’analisi transazionale e della psicoterapia sistemico-relazionale illustrati attraverso dieci casi concreti descritti da dieci fra counselor professionisti, analisti transazionali e/o psicoterapeuti, così da farsi più facilmente un’idea di tale metodologia d’intervento. Seguendo alla lettera uno degli insegnamenti di Eric Berne (Montréal 1910 – 15 luglio 1970), lo psicologo canadese ideatore dell’analisi transazionale, che invocava la massima semplicità di linguaggio nel rivolgersi ai pazienti.

Giovedì 19 febbraio, alle 17,30, alla Fondazione il Fiore di Firenze, vicino a Bellosguardo in via San Vito 7, verrà presentato il libro ‘Mentre cambi sono con te – i ponti di Doceat’ (Editorial Nazarì 2013), a cura del medico psicoterapeuta Silvia Grassi e della psicologa Laura Ricci, entrambe analiste transazionali. A presentare il volume, assieme alle curatrici, sarà Maria Giuseppina Caramella, presidente della Fondazione ospitante. Ingresso libero.

Nel libro vengono affrontate storie di persone comuni che hanno affrontato un cambiamento personale assistiti da un professionista per non rimanere sommersi da pensieri, emozioni, sintomi, ricordi in grado di ostacolare il ben-essere. Per la precisione si tratta di dieci casi illustrati da ciascuno dei dieci professionisti che compongono l’associazione Doceat (Docenze, organizzazione, educazione e counseling in analisi transazionale): una rete di counselor, psicologi, pedagogisti, psicoterapeuti, formatori di Bologna, Firenze, Vicchio e Pontedera che nei loro programmi di consulenza, formazione e terapia utilizzano «una metodologia intersoggettiva, dinamica, relazionale, simbolica e narrativa in un ambiente evolutivo creativo, paritario e contrattuale».

Infatti, come indica la definizione dell’Eata (associazione europea di analisi transazionale), «il counseling analitico transazionale è una attività professionale all’interno di una relazione contrattuale. Il processo di counseling permette ai clienti o ai sistemi di clienti di sviluppare consapevolezze, opzioni e capacità di gestione dei problemi e dello sviluppo personale nella vita quotidiana, attraverso l’accrescere dei propri punti di forza e risorse». «La relazione di counseling – come spiega Daniela Giovannini, altro membro di Doceat – è un processo di cambiamento in cui sia il counselor che il cliente si danno sia il Permesso che il Potere di lavorare insieme nei modi e per gli obiettivi che si sono dati, e che sono definiti dal contratto: questo permette di definire i confini del lavoro di counseling, dando in tal modo Protezione a entrambi e alla relazione. Tutto ciò è reso possibile da una visione di counselor e cliente come persone che “vanno bene”, ovvero dal “doppio ok”, punto di partenza per il lavoro del counselor Analista Transazionale».

Approfondimenti nel sito web www.doceat.eu.

 

Per ulteriori informazioni, Fondazione Il Fiore. Tel.: 055 225074

 

Per raggiungere la Fondazione il Fiore

In macchina: partendo da piazza Tasso, prendere Via Villani. Giunti in Piazza S. Francesco di Paola, imboccare Via di Bellosguardo e proseguire fino ad entrare in Via di San Vito (attenzione strada stretta e a doppio senso di marcia).

In autobus: dalla Stazione centrale prendere il 6/B. Scendere in Via Masolino e entrare in Via Domenico Veneziano. Al semaforo proseguire per Via di San Vito e salire fino al n° 7 (circa 10 minuti a piedi). L’ultimo tratto di circa 200 m. è in acciottolato.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento


Translate »