Presentazione della silloge poetica di Maria Grazia Maramotti ‘Qualunque sia il tuo nome’ | StampToscana
after festival reggio emilia
logo stamptoscana
badzar
after festival reggio emilia
badzar

Presentazione della silloge poetica di Maria Grazia Maramotti ‘Qualunque sia il tuo nome’ Firenze, My Stamp

La Fondazione il Fiore organizza il 9 marzo alla Biblioteca Umanistica dell’Università di Firenze la presentazione del libro di Maria Grazia Maramotti ‘Qualunque sia il tuo nome’ (Whatever Your Name May Be / Vilket Ditt Namn Än Är) (2017), con reading della poetessa (e di Catherine Wallerman in inglese e svedese), più intermezzi musicali di Martini (flauto) e Pavan (chitarra). Intervento dell’italianista Elisabetta Benucci. Coordina Maria Giuseppina Caramella. Ingresso libero.

———————————————

«Contribuire a mettere in contatto Dio e l’Uomo, qualsiasi dio in relazione con qualsiasi uomo», per far «scaturire la fraternità», senza la quale «diventa impossibile la costruzione di una società giusta, di una pace solida e duratura». Questa, per l’italianista Elisabetta Benucci, «l’idea che muove Maria Grazia Maramotti e che ella riversa con forza nella sua poesia», compresa l’ultima silloge poetica, ‘Qualunque sia il tuo nome’ (Whatever Your Name May Be / Vilket Ditt Namn Än Är), pubblicata l’anno scorso da Campanotto Editore con testo a fronte in italiano, inglese e svedese (traduzione di Gabrielle Barfoot e di Katarina Agorelius).

La silloge di Maria Grazia Maramotti, poetessa mantovana (di Ostiglia) stimata da illustri nomi della letteratura italiana quali Mario Luzi o Geno Pampaloni e molto apprezzata in Vaticano per l’afflato religioso dei suoi versi, sarà presentatavenerdì 9 marzo alle 16,30 alla Sala Comparetti della Biblioteca Umanistica dell’Università di Firenze (piazza Brunelleschi 3-4, ingresso libero) alla presenza dell’autrice. Dopo il saluto di Floriana Tagliabue, direttore della Biblioteca, l’italianista Elisabetta Benucci, che ha curato l’introduzione della pubblicazione, terrà una relazione su questa raccolta e più in generale sulla produzione poetica di Maria Grazia Maramotti. Seguirà lettura di versi della silloge, o «testo poematico» con una sua continuità e organicità, come precisato nella nota dell’autrice, da parte di Maria Grazia Maramotti stessa in italiano e di Catherine Wallerman in inglese e svedese; con intermezzi musicali di Milo Martini al flauto e Federico Pavan alla chitarra. A coordinare l’evento Maria Giuseppina Caramella, presidente della Fondazione il Fiore, che ha organizzato l’appuntamento in collaborazione con la Biblioteca Umanistica e con il patrocinio del Consolato onorario di Svezia.

«Umanità, fratellanza, fraternità sono i sentimenti che pervadono l’animo e la mente leggendo queste nuove poesie di Maria Grazia Maramotti – scrive Elisabetta Benucci nell’introduzione di ‘Qualunque sia il tuo nome’ -. Poesie brevi, che attraversano come lampi il nostro pensiero e ci fanno riflettere sull’essenza di Dio, dell’uomo, della natura. Sono versi senza tempo, anche se scritti in questo secolo, nel terzo millennio; ma la storia si ripete e sempre più spesso l’uomo è contro l’uomo, abbandona con crudeltà i suoi simili al loro destino e li fa inghiottire nelle tenebre. Penso al Mediterraneo che “si fa tomba e nell’acqua smemora donne uomini e innocenti”, come scrive in versi Maria Grazia Maramotti».

Per ulteriori informazioni, Fondazione il Fiore. Tel.: 055-225074

Print Friendly, PDF & Email


Translate »