Arezzo, autopsia postuma di Alessandro Magno | StampToscana
energee3
logo stamptoscana
thedotcompany

Arezzo, autopsia postuma di Alessandro Magno Notizie dalla toscana

Marcello Caremani (2)

Arezzo – Marcello Caremani indaga sulla morte di Alessandro Magno. Uno dei più grandi conquistatori e strateghi della storia morì ad appena trentadue anni per cause ignote su cui ha provato a fare chiarezza il noto medico aretino, già direttore dell’Unità Operativa di Malattie infettive e del Dipartimento di Medicina specialistica dell’Ospedale San Donato e poi assessore comunale alle politiche sociali e sanitarie. Da questo studio è nato il libro “Un consulto clinico 2000 anni dopo. Patologie e cause della morte di Alessandro Magno” che accompagnerà i lettori a riscoprire il re di Macedonia da una prospettiva diversa e insolita. Già in distribuzione, l’opera sarà presentata per la prima volta alla città il prossimo sabato 5 maggio presso il Circolo Artistico in Corso Italia.

Caremani non ha scritto una storia di Alessandro Magno, già ampiamente pubblicata, ma ha guardato con curiosità scientifica la sua vita e ha provato a discutere clinicamente dei suoi problemi di salute, in particolar modo quelli insorti durante l’Anabasi, cioè i dodici anni che trascorse in Asia alla conquista di un territorio immenso. Nel suo libro, l’autore ne valuta le malattie e le lesioni procurate dalle battaglie, cercando di porre una diagnosi probabile sulle patologie e sui danni a cui andò incontro.

In quel periodo non esistevano esami, accertamenti e terapie efficaci, dunque la ricostruzione poggia su un attento studio dei sintomi riferiti dai vari autori (che peraltro non sempre concordano): Caremani si è spogliato della mentalità del medico moderno e si è calato direttamente nel ruolo del iatrè, l’antico clinico proiettato in un mondo ancora intriso di una medicina magica e religiosa che però stava già muovendo i primi passi verso un’analisi scientifica ancora rudimentale, ma già empirica. «Si tratta di un consulto affascinante – commenta Caremani, – che porterà a fare luce su una morte giovane e avvolta dal mistero. Non sarà possibile, come non lo è stato nel passato, porre una diagnosi certa, ma sarà invece interessante, dopo un’autopsia clinica eseguita 2000 anni dopo, esprimere se questa possa avere una probabilità bassa, media o elevata di essere corretta».

Nato ad Arezzo nel 1947, Caremani si è laureato in Medicina e chirurgia, si è specializzato in Malattie infettive, Oncologia clinica ed Ematologia clinica, è stato direttore del corso intensivo di Ecografia internistica di Gargonza dal 1988 al 2014, ed è professore del corso di Malattie infettive presso l’università di Siena. Vicepresidente del Masu (Mediterranean and African Society of Ultrasound), nel 1988 ha fondato l’Asp -Associazione Aiuto Sieropositivi di cui è stato presidente fino al 1996. “Un consulto clinico 2000 anni dopo”, edito da Europa Edizioni, è l’ultima fatica di un professionista che ha dedicato tutta la sua vita alla salute degli altri e che già in passato ha firmato numerose pubblicazioni di carattere medico-scientifico, tra cui il primo libro italiano sul tema dell’Aids nel 1994.

 

Foto: Marcello Caremani

 

Print Friendly

Lascia un commento


Translate »