Centro permanenza e rimpatrio in Toscana, Forza Italia e Pd a braccetto | StampToscana
energee3
logo stamptoscana
thedotcompany

Centro permanenza e rimpatrio in Toscana, Forza Italia e Pd a braccetto Breaking news, Politica

Firenze_Palazzo_della_Signoria,_better_known_as_the_Palazzo_Vecchio

Firenze – Il centro di permanenza e rimpatrio in Toscana ha avuto il via libera oggi in consiglio comunale a Firenze, forte dei voti “unificati” di Pd e Forza Italia. L’inedita alleanza si è ricostituita anche su un’altra mozione, presentata dagli azzurri sempre a firma di Jacopo Cellai, che riguarda le occupazioni abusive e la diminuzione del carico fiscale dei proprietari degli immobili occupati.

Soddisfazione da parte del capogruppo e dei consiglieri azzurri, che parlano di “doppia vittoria”.  Nello specifico,  riguardo alle occupazioni abusive, la mozione invita il sindaco a “diminuire l’aliquota IMU prevista per le unità immobiliari appartenenti alle categorie catastali A/10, B e C, in relazione alle quali sussista uno stato di occupazione abusiva attestato da apposita denuncia alle competenti autorità e fino al provvedimento di avvenuta restituzione dell’imobile modificandola da 0,76% a 0,46%”. In queste categorie catastali rientrano uffici e studi privati, case di cura e collegi, scuole e magazzini, negozi e laboratori e altro ancora.

L’altra mozione invita il sindaco Nardella “a sostenere l’esigenza della nascita di un centro di permanenza e rimpatrio in Toscana, ai sensi della legge del 13 aprile 2017 n.46 in tutte le sedi politiche e istituzionali come previsto dalla legge, con capienza limitata in grado di assicurare condizioni di trattamento che garantiscono l’assoluto rispetto della dignità della persona”.

“Questo è un indirizzo politico forte che dal Consiglio comunale di Firenze deve arrivare direttamente alla Regione Toscana, titolare della decisione sulla realizzazione del centro” ha concluso il capogruppo azzurro.

Posizione e voto che invece ha sollevato forte opposizione della Sinistra: “Esprimiamo – dichiara il capogruppo di Art. 1 – Mdp, Alessio Rossi – il nostro totale dissenso verso l’approvazione della mozione votata da Forza Italia, Fratelli d’Italia e PD che chiede al sindaco di sostenere l’esigenza di far nascere un centro di permanenza per il rimpatrio in Toscana.
Siamo amareggiati di questa decisione sostenuta da PD e Forza Italia, anche perché crediamo che, in questo momento storico e sociale, sia una decisione sbagliata che non risponde alle reali problematiche legate all’immigrazione. Noi abbiamo votato, convintamente, No a questo atto disumano.
Pensare di concentrare insieme a presunti delinquenti in luoghi spesso sovraffollati, persone che hanno come unico torto l’aver richiesto asilo, ammassati in una zona militarizzata, che crea solo disagi nella zona circostante, costituisce un ritorno al passato che non ci piace”.

Print Friendly


Translate »