Italia – GB: le prospettive dei rapporti dopo il Brexit | StampToscana
energee3
logo stamptoscana
thedotcompany
blog words
Il blog di Francesco Colonna
Pioli e una Fiorentina a sorpresa per disorientare l’Atalanta

Italia – GB: le prospettive dei rapporti dopo il Brexit Politica, STAMP - Università

certosa_pontignano_unisi.it.jpg

Siena - Si terrà a Siena dal 14 al 16 settembre la XXV edizione del Convegno di Pontignano ‘Liberalism in crisis?’, il più importante appuntamento dell’agenda anglo-italiana, organizzato dal British Council, l’ente britannico per le relazioni culturali e le opportunità nel mondo dell’istruzione, e dall’Ambasciata Britannica in Italia, in collaborazione con l’Università di Siena e il St. Antony’s College of Oxford.

Presieduto da Enrico Letta e David Willetts, la speciale edizione di quest’anno prevede numerosi interventi di rilievo, tra i quali il Ministro britannico per l’università, la scienza, la ricerca e l’innovazione Jo Johnson, il Ministro per la coesione territoriale e il mezzogiorno Claudio De Vincenti, il Direttore Generale del Ministero per l’uscita dall’Ue Alex Ellis, il Direttore del dipartimento per l’Europa del Foreign Office Caroline Wilson e Denzil DavidsonSpecial Adviser del Primo Ministro Theresa May a Downing Street.

L’edizione di quest’anno, la 25esima, sarà anche un’edizione celebrativa. Durante i lavori della prima giornata sarà Giuliano Amato, che ha ricoperto per oltre due decenni la carica di Chair del Convegno insieme a Lord Patten, a introdurre un lavoro di ricerca svolto dai giovani ricercatori Michele Baldini e Barnaby Willis che fornisce un’istantanea originale sulla storia dei due paesi attraverso la lente del convegno di Pontignano e dei suoi partecipanti.

A una settimana dall’avvio del convegno, l’ambasciatore britannico in Italia, Jill Morris, ha sottolineato come “da venticinque anni lavoriamo insieme all’Italia in questa cornice unica per rafforzare la nostra partnership e trovare risposte comuni alle principali sfide del nostro tempo. Questo non cambierà negli anni a venire, e sono determinata a rendere le basi della nostra collaborazione ancora più solide”.

Il convegno prenderà il via giovedì 14 settembre alle 18:00 presso l’Aula Magna dell’Università di Siena. Dopo i saluti dei chairman, David Willetts ed Enrico Letta, e del Rettore dell’Università di Siena, Prof. Francesco Frati, e dopo lo spazio dedicato alla retrospettiva sulla storia del Convegno con Giuliano Amato, prenderanno la parola i Ministri Jo Johnson e Claudio De Vincenti, per poi aprire la sessione di dibattito presieduta da Lord Willetts.

Il convegno proseguirà venerdì e sabato a porte chiuse, nel rispetto della Chatham House Rule*, presso la Certosa di Pontignano, poco fuori Siena, articolandosi su quattro aree tematiche che consentiranno ai partecipanti di affrontare alcuni temi fondamentali per il futuro dei nostri Paesi, e dell’Europa: i negoziati della Brexit, l’istruzione e la ricerca, il mercato post-Brexit e la difesa. Temi cui il convegno di Pontignano cercherà di dare delle risposte, sullo sfondo di una possibile agenda comune.

Print Friendly


Translate »