Paterno, dopo la bonifica mai più discarica | StampToscana
energee3
logo stamptoscana
thedotcompany
blog words
Il blog di Francesco Colonna
Europa

Paterno, dopo la bonifica mai più discarica Ambiente, Politica

paterno ex cava

Firenze – E’ stata accolta dal voto unanime del consiglio regionale la mozione presentata da Sì Toscana a Sinistra affinchè, dopo la bonifica, nel luogo non venga mai più installata una discarica. Una buona notizia per una vicenda complessa, che è costata molto al territorio e alla comunità.

“Il voto unanime del consiglio regionale sulla nostra mozione è una notizia positiva per i cittadini del Mugello e per il Comune di Vaglia, il cui Consiglio si era più volte espresso chiedendo che il sito dell’ex Cava di Paterno non fosse mai più destinato a discarica, indipendentemente dal tipo di rifiuti da destinarvi – commenta il capogruppo di Sì Toscana a Sinistra Tommaso Fattori – Si volta definitivamente pagina: d’ora in poi i rifiuti non finiranno più nella vecchia cava e sono felice di mantenere l’impegno che ho preso un anno e mezzo fa con gli abitanti della zona”.

L’intervento necessario  per la bonifica dell’area è complesso ma anche urgente e, secondo quanto ricordato da Fattori, “non può essere delegato solamente al Comune. Anche su questo punto, attraverso l’atto approvato oggi, la Giunta viene impegnata a fornire sia il necessario supporto tecnico, sia risorse economiche adeguate, anche attraverso il coinvolgimento del Ministero dell’Ambiente”.

Tommaso Fattori e Paolo Sarti, consiglieri regionali di Sì Toscana a Sinistra, concludono: “Dopo l’interessamento della Commissione Antimafia e le gravi vicende che la magistratura ha fatto emergere riguardo alla gestione dell’Ex Cava, il voto di oggi è un atto dovuto nei confronti della popolazione mugellana e di una terra che in questi anni ha pagato un caro prezzo, dal punto di vista ambientale, su più fronti, da quello dei rifiuti fino ai lavori dell’Alta Velocità. Speriamo che in futuro la politica sia più attenta e più tempestiva negli interventi volti a sanare gravi ferite inflitte al nostro territorio”.

 

Print Friendly


Translate »