Sondaggi telefonici su moschea e jus soli, Gianassi: “Il Comune non c’entra” | StampToscana
energee3
logo stamptoscana
thedotcompany

Sondaggi telefonici su moschea e jus soli, Gianassi: “Il Comune non c’entra” Breaking news, Politica

firenze_palazzo_vecchio.jpg

Firenze - La notizia è che in questi giorni una società sta effettuando sondaggi telefonici su Firenze  spacciandosi per incaricata dal Comune di Firenze. Le domande riguardano la moschea in fieri a Sesto Fiorentino e lo Ius Soli. A portare il fatto in aula del Consiglio comunale di Firenze è stato stamattina il consigliere di Firenze riparte a Sinistra Giacomo Trombi, che ha chiesto chiarimenti in merito all’assessore Federico Gianassi. Per quanto riguarda il tenore della domande, “viene chiesto – specifica Trombi – se l’intervistato sia a conoscenza del fatto che la diocesi di Firenze vorrebbe cedere un terreno per la costruzione di una Moschea nel comune di Sesto, se sia favorevole o contrario a tale opera e se sia favorevole o contrario sul costruire una moschea vicino ad una chiesa, e, sullo Ius Soli, se l’intervistato sappia o meno di cosa si tratti, e se sia favorevole o meno alla sua approvazione e, infine, se si votasse entro una settimana alle elezioni politiche nazionali, cosa voterebbe”.

“Tutte domande estremamente politiche, che esulano dalle competenze (o dall’agenda politica) dell’Amministrazione Comunale – dice Trombi -  non solo: ricorrere al sondaggio per capire come sia orientata l’opinione pubblica su un tema delicato come la costruzione di una moschea sarebbe davvero di una pochezza politica infinita, su un tema del genere è necessario condurre, proporre, alzare l’orizzonte del dibattito,  non andare a traino della pancia della popolazione”. 

Alla richiesta di chiarimento fatta in aula, vale a dire se fosse vero che il sondaggio era stato commissionato dal Comune di Firenze e chi lo avesse richiesto”,  la risposta di Gianassi sarebbe “che non risulta che il Comune abbia dato mandato ad alcuno di effettuare tali sondaggi”.

“Resta quindi da capire – conclude Trombi – chi è che sfrutta il nome del nostro comune per fare sondaggi in vista delle prossime elezioni: è un atto grave, a nostro avviso, specialmente trattandosi di temi delicati, e chiediamo a chiunque riceva tali chiamate di farsi indicare chiaramente la società che effettua tale sondaggio e il committente e di fornire tali informazioni al Comune di Firenze, segnalandolo alla Polizia Municipale, perché l’Amministrazione possa provvedere”.

Print Friendly

Lascia un commento


Translate »