Alzheimer, il Congresso si sposta da Pistoia a Montecatini | StampToscana
energee3
logo stamptoscana
thedotcompany

Alzheimer, il Congresso si sposta da Pistoia a Montecatini Breaking news, STAMP - Salute

alzheimer, una nuova ricerca sul linguaggio

Pistoia – Dopo otto edizioni si sposta da Pistoia a Montecatini il congresso nazionale sui Centri Diurni Alzheimer, principale appuntamento scientifico dedicato alle demenze, che ogni anno porta in Toscana i maggiori specialisti italiani. La 9° edizione della serie si terrà infatti al Teatro Verdi della città termale il 17 e 18 maggio prossimi.

Ne danno notizia il presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia Luca Iozzelli con il professor Giulio Masotti, presidente onorario della Società Italiana di Geriatria e Gerontologia, che presiede il congresso insieme ai colleghi Carlo Adriano Biagini (Asl Pistoia) eAlberto Cester (Dolo – Venezia), oltre al dottor Enrico Mossello in veste di coordinatore scientifico.

Immutata la partnership che anima l’iniziativa: da un lato la direzione scientifica dell’Unità di Ricerca in Medicina dell’Invecchiamento dell’Università di Firenze, che in questi giorni sta definendo il programma; dall’altro il ruolo fondamentale dell’ente presieduto dal dottor Iozzelli.

“La Fondazione”, ricorda, “investe nel sociale mediamente circa il 35% delle erogazioni ed è orgogliosa di avere dato vita anche al congresso sui Centri Diurni Alzheimer, oltre ad aver finanziato varie attività sperimentali con la collaborazione dell’ateneo fiorentino”.

Per quanto riguarda l’impatto sanitario e sociale della malattia, secondo la più recente indagine Censis-Aima gli italiani anziani con varie forme di demenza sono ormai 1,3 milioni, il 10% circa dei 13 milioni di ultrasessantenni.

In Toscana, con una popolazione tra le più longeve e oltre 90 mila malati, il fenomeno è particolarmente sentito. A Firenze i casi sono 20 mila, a Pistoia e provincia 7 mila. Si tratta di persone che lentamente perdono memoria e autonomia, a volte con manifestazioni aggressive, e perciò bisognose di assistenza continua.

Il congresso sui Centri Diurni ha dunque due scopi sostanziali: 1) presentare innovazioni, proposte e problemi specifici; 2) tener viva l’attenzione su un dramma sanitario e sociale che purtroppo la politica troppo spesso sottovaluta.

Il Convegno è patrocinato dalla Società Italiana di Gerontologia e Geriatria, dall’Associazione Italiana di Psicogeriatria e dall’Associazione Italiana Malattia di Alzheimer. Info:www.centridiurnialzheimer.it.

Print Friendly

Lascia un commento


Translate »