Anche la Parola ha la sua festa: a Firenze il World Speech Day | StampToscana
energee3
logo stamptoscana
thedotcompany

Anche la Parola ha la sua festa: a Firenze il World Speech Day Cultura, Società

world speech

Firenze – Può un semplice discorso ispirarci fino a cambiare le nostre vite? È proprio per celebrare la forza intrinseca della parola come elemento in grado di unire le persone che giovedì 15 marzo in più di 100 Paesi del mondo si celebra il World Speech Day, la Giornata Mondiale della Parola in cui si tengono eventi dedicati al public speaking. Per la prima volta, quest’anno la manifestazione – giunta alla sua terza edizione – coinvolge anche l’Italia, e la città di Firenze farà da capofila per gli appuntamenti coordinati da Armando Cristofori ambasciatore WSG. Firenze è stata scelta come simbolo universale per l’importanza della parola negli ambiti della gioventù, del business e del mondo gourmet.

Dal palazzo del governo della Mongolia alle scuole della Palestina, dai campus universitari statunitensi agli auditorium di Karachi, Buenos Aires o di Biskek (Kyrghizistan): giovedì 15 marzo – data che il Senato americano nel 2016 ha designato come la Giornata Nazionale del Dibattito e dell’Educazione – in tutto il pianeta verrà dato spazio alle voci di chi ha da esprimere, citando lo slogan dell’evento, “Pensieri per un mondo migliore”. Questo tema, declinato nella sua accezione territoriale, diventa così l’occasione per immaginare, analizzare e raccontare come sarà Firenze tra quarant’anni, nel 2058, alla presenza del presidente mondiale del World Speech Day, l’inglese Simon Gibson.

Delle prospettive future del capoluogo toscano, in particolare, si parlerà nei tre distinti appuntamenti che coinvolgono sedi istituzionali: in Palazzo Vecchio al mattino (dalle 9 alle 12) si terrà la sessione che vedrà protagonisti gli studenti delle scuole fiorentine introdotte dal vicesindaco Cristina Giachi, al pomeriggio (dalle 13 alle 16) l’auditorium della Regione Toscana ospiterà gli speech di professionisti – urbanisti, architetti, ingegneri, ecc… – chiamati a ripensare allo sviluppo della città e introdotti dal presidente del consiglio regionale Eugenio Giani, mentre infine dalle 17 alle 20 la Zeffirelli’s Tea Room accoglierà con Ludovica e Ginevra Santedicola i discorsi dei rappresenti del mondo dell’enogastronomia, da Marco Stabile a Silvia Baracchi.

Da quando è stato introdotto, il World Speech Day ha abbracciato sempre più Paesi con centinaia di eventi dedicati al public speaking: registrandosi, ognuno può prendere la parola e far sentire la propria voce.

Print Friendly

Lascia un commento


Translate »