Odissea30: il teatro aiuta a trovare un lavoro | StampToscana
energee3
logo stamptoscana
thedotcompany

Odissea30: il teatro aiuta a trovare un lavoro Società, Spettacoli

lavoro

Firenze - Il teatro come mezzo per riacquistare fiducia e sollecitare l’intraprendenza professionale. E’ l’obiettivo dello spettacolo “Odissea30. Il viaggio, la scelta e il futuro”, promosso dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze, che andrà in scena giovedì 30 novembre alle 20.30 al Teatro Niccolini (ingresso ad invito).

E’ una rappresentazione teatrale, liberamente ispirata al celebre poema di Omero, nella quale mostri come Polifemo, le profondità dell’Ade e le sirene rappresentano i tanti ostacoli frapposti nella vita di ognuno durante la ricerca della propria strada per il futuro. L’evento ha il patrocinio della Regione Toscana, della Città metropolitana di Firenze e del Comune di Firenze, con la collaborazione di Vivaio per l’Intraprendenza, Euroteam Progetti, Projektfabrik e Virgilio Sieni: Cango, centro di produzione nazionale sui linguaggi del corpo e della danza. La regia è di Beata Nagy di Projekfabrik, con la collaborazione di Alessia De Rosa, Maurizia Ronchi e Anna Münster e il contributo speciale della Fondazione Scuola di Musica di Fiesole.

La rappresentazione -informa un comunicato – si inserisce nel progetto ‘Impulso’ avviato lo scorso 30 ottobre dalla Fondazione CR Firenze, che, per la prima volta in Italia, combina la ricerca del lavoro con mezzi di autoformazione meno tradizionali come i laboratori teatrali. Saranno sulla scena 31 ‘attori’, selezionati dai promotori del progetto tra 120 candidati fra uomini e donne, fra i 18 e i 40 anni, disoccupati o inoccupati che hanno assolto l’obbligo scolastico. Attraverso questa rappresentazione e le fasi che l’hanno preceduta, sono aiutati a ritrovare fiducia in sé stessi e a rilanciarsi con passione e decisione nel mercato del lavoro e della crescita professionale.

‘Odissea30′ rappresenta infatti il termine di un intenso percorso di quattro settimane di preparazione, cominciato il mese scorso, che ha tenuto impegnati gli allievi, sotto la guida di una pedagoga teatrale, per sei ore al giorno, alla scoperta di risorse e aspirazioni personali per inserirsi o reinserirsi nel mondo del lavoro. Questo percorso prosegue con una settimana di orientamento al lavoro per la redazione del piano di azione individuale e quattro settimane di laboratorio di problem solving e design thinking per la soluzione di casi di impresa proposti dalle aziende già coinvolte nel progetto. La fase finale prevede due mesi di tirocinio presso alcune aziende del territorio che viene retribuito grazie ad un finanziamento di Fondazione CR Firenze. La conclusione dell’esperienza è prevista nell’aprile del 2018.

Il progetto di abbinare le arti teatrali alla formazione professionale per la ricerca del lavoro è nato nel 2005 in Germania e ha avuto riscontri molto positivi. Da allora ha coinvolto oltre 4.600 partecipanti, di cui il 43% ha trovato lavoro e un ulteriore 24% ha ripreso a studiare. Il fenomeno dei NEET (Not Engaged in Education, Employment or Training) e degli inattivi ha suggerito di replicare per la prima volta nel nostro Paese questa esperienza nell’ambito del progetto ‘Impulso’ per cercare di riattivare e rimotivare quelle risorse umane a rischio di andare perdute. Secondo dati Istat,  raccolti tra gennaio 2016 e gennaio 2017,  gli occupati in aumento in Italia sono stati 236.000, ma questa cifra è il risultato di una crescita nella fascia 15-24 anni (+27.000) mentre è diminuita la fascia 25-34 (-26.000) e soprattutto la caduta è ancora più forte nella fascia tra i 35 e i 49 anni (-132.000).  Ecco perché sono urgenti nuove strategie di intervento.

Print Friendly


Translate »