Progetto “Giovani Sì” per i comuni dell’Amiata | StampToscana
energee3
logo stamptoscana
thedotcompany

Progetto “Giovani Sì” per i comuni dell’Amiata Società

progettpo_giovani_si_thumb.jpg

L’accordo permetterà di incentivare le opportunità di lavoro e sviluppo per i giovani delle loro qualità e per accedere al mondo del lavoro che in questo periodo è sempre più difficile e precario. “Con la firma di questo protocollo intendiamo promuovere, nei comuni firmatari, – Ha detto il presidente Rossi – l’istituzionalizzazione della Carta dei tirocini e degli Stage che garantiscano un quadro di diritti per i giovani beneficiari ed eliminare l’uso a volte distorto dei tirocini, molte volte strumento di sfruttamento. A questo si affianca l’opportunità, per le aziende di sviluppare una collaborazione diretta con la Regione e le realtà istituzionali”.
Gli interessati hanno accolto con positività il primo protocollo della Regione con gli Enti Locali “Firmare un’intesa di questi termini è un elemento di primaria importanza per il territorio dell’Amiata, – prosegue l’assessore al Lavoro di Grosseto, Tizziana Tenuzzo- Una zona molto attiva, siamo sicuri possa stimolare investimenti per permettere ai giovani di fare esperienza. L’auspicio è che i tirocini servano al giovane per rimanere all’interno dell’azienda”. Dello stesso parere, il presidente dell’Unione dei Comuni Montani Amiata Grossetana: “Siamo felici di essere i firmatari di questo protocollo, perché abbiamo realizzato un qualcosa d’importante anche per quel mondo dell’imprenditoria molto importante per l’Amiata che attraverso questo progetto possono creare delle realtà importanti e contemporaneamente permettere ai giovani di rimanere nel proprio territorio ed estendere le loro radici. Trattenere i giovani deve essere l’obiettivo e lo scopo principale di questo progetto”. Dopo le parole, dunque il presidente Enrico Rossi ha firmato per primo il protocollo che ha sancito la definitiva intesa, sottoscritta nella sala Pegaso del Palazzo Strozzi Sacrati.
         
 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento


Translate »