Coleman al Grey Cat: conversazione jazz con la musica contemporanea | StampToscana
after festival reggio emilia
logo stamptoscana
badzar
after festival reggio emilia
badzar

Coleman al Grey Cat: conversazione jazz con la musica contemporanea Spettacoli

coleman3

Gavorrano – Un Jazz Festival Grey Cat all’altezza delle grandi edizioni quello che si sta concludendo in questi giorni in Maremma. Al Teatro delle Rocce di Gavorrano è andato in scena ieri lunedì 13 un concerto di Steve Coleman,  una delle figure più influenti della musica afroamericana contemporanea.

I suoi Five Elements hanno presentato il risultato di una ricerca che dura da oltre 30 anni e che fa tesoro delle esperienze più diverse della composizione musicale d’avanguardia, integrando forme artistiche diverse come rap,  minimalismo, funky e soul. Il suo sassofono si pone come il punto di incontro e nello stesso come supporto dei diversi generi  in una conversazione jazz coerente e continua che va alla ricerca di innovazione e cambiamento.

Accanto a lui sono saliti sul palco del teatro due collaudati compagni di viaggio,  il bassista Anthony Tidd e il batterista Sean Rickman, oltre al giovane trombettista Jonathan Finlayson, musicista emergente della scena musicale newyorkese e la voce di Kokayi. Quest’ultima  ha colpito il pubblico per la sua versatilità, quinto strumento nuovo e sorprendente delle composizioni di Coleman.

 

RAVA HARABAYASHI

Il prossimo concerto del Grey cat vede di scena il 18 agosto Enrico Rava che alla bella età di 78 anni rimescola ancora le carte e mette in piedi un nuovo quartetto con la pianista  Makiko Hirabayashi, giapponese residente a Copenhagen, da lui scoperta durante un tour nipponico, e la premiata coppia ritmica formata da Francesco Ponticelli al contrabbasso e Enrico Morello alla batteria. Rava,  musicista poliedrico prosegue instancabile nel suo intento di intraprendere nuovi percorsi e collaborazioni artistiche.

“Quello con Makiko è stato un colpo di fulmine professionale, avvenuto durante il mio tour Enrico Rava and Japanese Friends”, il primo con una formazione interamente nipponica che vedeva al piano la stessa Makiko Hirabayashi, al contrabbasso Seigo Matsunata e alla batteria Yoshigaki Yasuhiro”

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento


Translate »