Morte Ermanno Olmi, a Firenze firmò la sua prima opera lirica | StampToscana
after festival reggio emilia
logo stamptoscana
badzar
after festival reggio emilia
badzar

Morte Ermanno Olmi, a Firenze firmò la sua prima opera lirica Spettacoli

Firenze –  “Il Maggio Musicale Fiorentino è molto addolorato per la scomparsa di Ermanno Olmi, che proprio a Firenze ebbe il suo debutto assoluto come regista di opera lirica nel 1983 con Il tabarro di Giacomo Puccini, realizzato insieme ad altri due celebri registi cinematografici, Franco Piavoli e Mario Monicelli”, così il sovrintendente del Maggio Musicale Fiorentino Cristiano Chiarot ricorda il regista bergamasco scomparso oggi ad Asiago.

E Il Tabarro del 1983 non fu l’unica occasione che vide Ermanno Olmi impegnato sul palcoscenico del teatro fiorentino. Lo stesso titolo, diretto dal maestro Bruno Bartoletti, fu ripreso nel Maggio del 1988. Risale invece al 1989 la regia di Kát’a Kabanová di Leóš Janáček, che venne messa in scena durante la stagione autunno-invernale: sul podio il maestro Christian Thielemann, con scene firmate da Emanuele Luzzati e costumi di Santuzza Calì. “Un capolavoro – ha detto il sovrintendente – che rientra nella tradizione di riproposte e riproposizioni del Grande Maggio”.

“Con Olmi – ha aggiunto Chiarot – ho avuto il piacere di lavorare anche al Teatro La Fenice di Venezia in occasione di uno spettacolo diretto dal maestro Bruno Bartoletti. Ricordo ancora chiaramente la grande dedizione al lavoro, la genialità e il coinvolgimento artistico che lo contraddistinguevano e che lo hanno fatto entrare di diritto nel gotha dei grandi registi italiani. Non si può parlare di lui senza ricordare la poesia infinita, la dolcezza e l’umanità dei suoi personaggi, la profonda compassione di ogni fotogramma del suo cinema che ha saputo trasmettere anche nel suo fare teatro”.

 

Foto: Ermanno Olmi – Mario Monicelli – Flavio Piavoli

 

Print Friendly, PDF & Email


Translate »