Ornella Vanoni: la mia storia in musica al Teatro Verdi di Firenze | StampToscana
energee3
logo stamptoscana
thedotcompany

Ornella Vanoni: la mia storia in musica al Teatro Verdi di Firenze Spettacoli

Ornella Vanoni 2 2018

Firenze – S’intitola “La mia storia” lo spettacolo che Ornella Vanoni presenta lunedì 16 aprile al Teatro Verdi di Firenze (ore 20,45 – biglietti posti numerati da 23 a 50 euro) a pochi mesi dalla partecipazione al Festival di Sanremo.

Prodotto da Bubba Music in collaborazione con F&P Group, “La mia storia” è il racconto in musica della sua carriera artistica, iniziata al Piccolo di Milano negli anni ’60, in cui presenta i brani storici della mala, di Brecht ed i successi che l’hanno fatta amare dal grande pubblico italiano.

Ornella Vanoni è affiancata sul palco da un quartetto di grande impatto emotivo: Roberto Cipelli al pianoforte, Bebo Ferra alla chitarra, Loris Leo Lari al contrabbasso e Piero Salvatori al violoncello.

Intanto è uscita “Un Pugno di Stelle” (Sony Music), raccolta in 3 CD delle canzoni che hanno segnato la storia della “signora della canzone italiana”. Tra i brani anche  “Imparare ad amarsi” presentato all’ultimo del Festival di Sanremo in trio con Bungaro e Pacifico, a cui è andato il premio “Sergio Endrigo” per la migliore interpretazione e il premio Dopofestival “Baglioni d’Oro” alla migliore canzone secondo i cantanti in gara.

L’altro inedito presente nella raccolta  è “Gira in cerchi la vita”, cover di un brano del cantante e musicista israeliano Idan Raichel. Il primo CD “Imparare ad amarsi” è dedicato ai duetti con artisti che hanno fatto la storia della musica italiana. Il secondo “Una bellissima ragazza” raccoglie i maggiori successi dell’artista dagli anni ’90 al 2013. Il terzo “L’appuntamento” è una selezione di brani storici e più significativi di Ornella Vanoni.

Una carriera straordinaria e irripetibile quella di Ornella, segnata da frequenti “digressioni” stilistiche ma sempre nel segno di una grande coerenza. Una continua ricerca musicale che l’ha portata a collaborare e a duettare con i big della musica internazionale: il rapporto artistico ed umano con Gino Paoli, che resta tra le storie più belle della nostra canzone; con i produttori Sergio Bardotti e Mario Lavezzi; e poi con il Brasile di Vinicius de Moraes e Toquinho; l’America jazz di George Benson, Gil Evans e Herbie Hancock, solo per citarne alcuni…

Print Friendly

Lascia un commento


Translate »