No al bullismo: successo a Firenze per il Remy Christmas 2017 | StampToscana
energee3
logo stamptoscana
thedotcompany

No al bullismo: successo a Firenze per il Remy Christmas 2017 Sport

remy

Firenze - Un successo annunciato il Remy Christmas 2017, la manifestazione organizzata dalla Società Canottieri “Firenze” con il patrocinio della Federazione Italiana Canottaggio assieme a Special Olympics Italia, sezione di Firenze.

L’evento, svoltosi questo pomeriggio sotto il Loggiato degli Uffizi, ha visto la partecipazione di squadre da tutta Italia – Canottieri San Miniato, DLF Chiusi, Casina Rossa Pontassieve, Sportlandia Livorno, La Missione Sportiva La Spezia, Velocior La Spezia, Circolo Canottieri Lazio Roma, Tevere Remo Roma, Armida Torino, Irno Salerno oltre naturalmente alla Canottieri Firenze – che si sono sfidate sui remoergometri per dire NO AL BULLISMO.

Una kermesse ricca di spirito partecipativo e sociale, che ha visto uniti nelle gare ai simulatori di voga gli atleti Special, affetti da disabilità intellettive, insieme ai Cadetti delle società da tutta la Toscana impegnati nel raduno regionale di categoria.

Complessivamente sono stati circa 200 gli atleti in gara, misuratisi al remoergometro in un clima di grande festa e inclusione. Sotto il Loggiato degli Uffizi sono intervenuti tra gli altri Eugenio Giani, Presidente del Consiglio Regionale della Toscana e Delegato del CONI per la Provincia di Firenze, e Andrea Vannucci, Assessore allo Sport del Comune di Firenze.

Giani e Vannucci hanno tenuto a sottolineare l’importanza di un evento come il Remy Christmas per la città di Firenze, plaudendo all’unione tra sport e sociale per combattere piaghe fastidiose e ignobili come quella del bullismo. A mandare il proprio saluto e incoraggiamento per la buona riuscita della manifestazione è stata anche Serena Parisi, Presidente dell’Osservatorio Nazionale sul Bullismo, la quale nell’esprimere apprezzamento per l’organizzazione di Remy Christmas, si è raccomandata di dedicare l’evento “a tutti quei ragazzi che hanno perso la vita a causa dell’assurda violenza psicologica e fisica subita, perché il loro sacrificio non diventi mai inutile ma continui a scuotere i cuori e le menti”.

Print Friendly

Lascia un commento


Translate »