Pioli e la società attaccano l’arbitro per i rigori non dati su Astori e Gil Dias | StampToscana
energee3
logo stamptoscana
thedotcompany

Pioli e la società attaccano l’arbitro per i rigori non dati su Astori e Gil Dias Sport

IMG_1217

Firenze – È rovente il dopo partita al Franchi. Annuncia passi concreti il direttore sportivo Freitas dopo due rigori non concessi alla Fiorentinac e uno dato troppo generosamente all’Atalanta. ” Non possiamo stare zitti, a cosa serve il Var – chiede l’infuriato ds ai microfoni di Premium – non possiamo sorvolare sul disappunto e i fischi dei tifosi”.  Rincara la dose Pioli: ” Noi ci abbiamo messo del nostro, la partita era quasi finita e sul loro gol dovevamo essere più basssi con i centrocampisti. Ma l’arbitraggio è stato difficile e io non ho visto lo stesso metro di giudizio sulla trattenuta di Astori e l’uscita su Gil Dias. Erano  due falli da  rigore. Come è possibile non vederli. Oggi non accetto gli errori degli arbitri che ci penalizzano. L’ ho detto anche all’arbitro”. Una sfuriata quella del tecnico su Premium che poi replica in sala stampa. “Siamo mancati nel contropiede importante da cui abbiamo poi subito gol. Noi siamo delusi. Sulle decisioni arbitrali quando non vedo equità non sono contento e Pairetto non lo ha fatto, non ci ha dato quello che meritavamo. Le immagini del Var non ci danno le sensazioni del campo. Sulla trattenuta su Astori non vedo il motivo di non dare rigore, non ci può essere che arrabbiatura. Ne ho parlato con la società. Ma la partita non è stata condizionata solo dalla nostra prestazione. Dovevamo gestire più la palla, nel secondo tempo abbiamo perso le distanze ma abbiamo avuto le grandi parate di Sportiello. Benassi non è stato bocciato, aveva un po’ di febbre e in futuro potrà essere utilizzato in altra posizione. Simeone l’ho sostituito perché ci serviva uno fresco”.

Gasperini non può che ammettere le incongruenze degli episodi: ” Non c’è certezza sui due fatti, se avesse visto il fallo su Astori avrebbe dato il rigore. Non si può ridurre tutto all’arbitro. Il risultato sta stretto a noi”.

Print Friendly


Translate »