Dalla Toscana il miglior arbitro di Lega Pro. E sabato dirige in A | StampToscana
energee3
logo stamptoscana
thedotcompany

Dalla Toscana il miglior arbitro di Lega Pro. E sabato dirige in A Sport

nicchi gravina

Firenze – Sardo di Calangianus, cresciuto nella sezione di Pisa per nove anni  dove fra l’altro si è laureato in  ingegneria gestionale, iscritto alla sezione di Olbia e nella CAN B, oggi premiato nell’aula magna di Coverciano e sabato alle 18 all’esordio in serie A per Bologna – Genoa.

Tanti i sinceri complimenti per Antonio Giua, arbitro di 29 anni che ieri, salutato da un lungo applauso dei suoi colleghi della Lega Pro, ha ricevuto da da Gabriele Gravina, Presidente Lega Pro e Marcello Nicchi, Presidente AIA il Premio  Luca Colosimo, direttore di gara di Lega Pro prematuramente scomparso in un incidente stradale nel marzo di tre anni fa. E che la Lega Pro con l’Aia  hanno ricordato con il Premio, consegnato nell’Aula Magna “Ferrari” del Centro Tecnico in occasione del raduno degli arbitri della Can Pro con il designatore Danilo Giannoccaro.

“È un riconoscimento nato tre anni fa con lo scopo di commemorare Luca- dichiara Gabriele Gravina, Presidente Lega Pro- il suo valore e il suo grande attaccamento al calcio. Come consuetudine, è stato assegnato ad un giovane arbitro della Can Pro, che si è contraddistinto nell’esempio di Luca Colosimo, un modello da seguire per qualità umane e tecniche”.

Rivolgendosi agli arbitri di Lega Pro presenti in sala, il Presidente Gravina ha dichiarato: “Vi dico grazie per quanto state facendo, in particolare, per la preparazione e l’impegno che mettete ogni volta che scendete in campo”.

Il Presidente Nicchi ha ricordato l’importanza del riconoscimento: “E’ un Premio che ricorda il grande spessore di Luca, ma che non avremmo mai voluto dare. E’  un’ulteriore conferma del talento di tanti giovani arbitri, che  mettono cuore e determinazione in questa attività. Complimenti ad Antonio Giua anche per il debutto in A tra 48 ore”

A margine della cerimonia il presidente Gravina ha espresso amarezza per la drammatica situazione dell’Arezzo e respinto l’ipotesi di un ridimensionamento dei campionati dela ex serie C. “Ho incontrato il Commissario Figc  in un clima più rasserenato e con all’orizzonte aspetti risolutivi. Vogliamo dare il nostro contributo alla risoluzione dei problemi del calcio che soffre dalla serie A ai dilettanti”.
Anche Marcello Nicchi ha incontrato Fabbricini a cui ha esposto le problematiche del settore arbitrale. Che vanno risolte o altrimenti,  ha ammonito Nicchi  “Si corre il rischio che in campo non ci andiamo noi”. 
Print Friendly

Lascia un commento


Translate »