Aeroporti, scatta lo sciopero dell’Usb | StampToscana
energee3
logo stamptoscana
thedotcompany

Aeroporti, scatta lo sciopero dell’Usb Breaking news, Cronaca

peretola_aereo

Firenze – È sciopero degli aeroporti di Firenze e Pisa: domani, lunedì 18 giugno, i lavoratori incroceranno le braccia per tutta la giornata. 

Sul tavolo, l’accordo sottoscritto da Cgil, Cisl e Uil oltre all’Ugl che regola, per l’aeroporto di Pisa, il premio di produzione. “Mentre continuano i progetti di svendita dei diritti delle lavoratrici e lavoratori degli aeroporti toscani attraverso grandi tagli al costo del personale a totale vantaggio del gestore Toscana Aeroporti – si legge nella nota diffusa dall’Usb  -  l’azienda e i sindacati complici hanno trovato nel frattempo un’intesa sul premio di produzione dell’aeroporto di Pisa. Questo accordo, sottoscritto dalle sole RSA di Cisl, Uil e Ugl il 5 giugno scorso ci è stato presentato già firmato ed è per noi incompleto nel merito e totalmente sbagliato nel metodo”.

“Abbiamo preteso – ricorda il sindacato di base -  il referendum su questa bozza e cgil, cisl, uil e ugl ci hanno inspiegabilmente e clamorosamente escluso dai comitati elettorali e come se non bastasse hanno escluso i tempi determinati dalla votazione”.

Un referendum che, dicono dall’Usb, “i sindacati complici  hanno paura di sottoporre al vaglio democratico dei dipendenti”, dimostrando ancora una volta “la loro lontanza dai lavoratori e la loro totale subalternità alle scelte aziendali” .

Del resto, ricordano i lavoratori, Toscana Aeroporti è una società sana che ha visto utili nel 2017 superiori ai 10 milioni di euro e “che sta approfittando dello scorporo dell’Handling per ottenere forti risparmi sul costo del lavoro, a totale danno dei salari dei lavoratori”. 

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento


Translate »