Caldo, comincia la corsa per salvare le semine, le api tornano in volo | StampToscana
energee3
logo stamptoscana
thedotcompany

Caldo, comincia la corsa per salvare le semine, le api tornano in volo Ambiente, Breaking news, Cronaca

dav

Firenze – Scoppia il caldo e nei campi di tutta la penisola scatta la corsa per salvare le semine. Lo dice la Coldiretti, che ricorda il blocco delle semine di pomodoro, riso e mais conseguente alle piogge che avevano reso inaccessibili i terreni.  L’associazione ha infatti svolto un monitoraggio sulla situazione dei campi da nord a sud della Penisola, da cui è emersa la necessità di completare il 30% dei trapianti del pomodoro da conserva, il 25% delle semine del riso e il 15% di quelle del mais da trinciato che serve per il foraggio delle mucche.

A livello nazionale esiste una situazione a macchia di leopardo con problemi maggiori dove si sono verificati ristagni idrici importanti legati sia alla forza delle precipitazioni sia alla natura dei terreni che possono essere più o meno permeabili e che quindi hanno tempi diversi di asciugatura. In certi casi, a causa dell’abbondanza delle precipitazioni e del ristagno idrico, sarà necessario riseminare le giovani piantine morte per asfissia radicale.

Tornano in volo le api, bloccate dalla pioggia che aveva “sospeso” l’attività degli alveari, rendendo impossibile la raccolta su tarassaco e acacia,  con la perdita di circa la metà della produzione. Tra le piante da frutto il caldo ha accelerato la maturazione dei frutti già presenti anche se in Italia la Coldiretti stima un raccolto di pesche in calo di oltre il 20% nel Mezzogiorno e del 15% al nord e una produzione inferiore rispetto allo scorso anno tra il 10 ed il 30% per le ciliegie, ma con pezzature più grandi e di migliore qualità. Ridotta anche – precisa la Coldiretti – la disponibilità delle susine mentre ci saranno circa il 20% di albicocche in meno nei frutteti in Emilia-Romagna, Campania, Basilicata, Puglia, Sicilia, Piemonte e Calabria. Il caldo – conclude la Coldiretti – arriva dopo oltre quattro mesi caratterizzati da sbalzi termici, nubifragi, freddo e grandine con danni per 400 milioni di euro nel 2018 a causa del clima impazzito.

Print Friendly

Lascia un commento


Translate »