Decennale don Lupori, Bassetti: “Una speranza da costruire” | StampToscana
energee3
logo stamptoscana
thedotcompany
blog words
Il blog di Francesco Colonna
Pioli e una Fiorentina a sorpresa per disorientare l’Atalanta

Decennale don Lupori, Bassetti: “Una speranza da costruire” Cronaca

sanmichele

Firenze – “La Chiesa fiorentina non dimentichi l’eredità di personaggi come don Mario Lupori, il fondatore della Comunità Giovanile San Michele” che ieri si è riunita per ricordarne il decennale della morte. “Mi rivolgo soprattutto ai ragazzi della Comunità che sono la speranza di oggi”, ha detto  il cardinale Gualtiero Bassetti, arcivescovo di Perugia e presidente della Conferenza Episcopale Italiana, che ha celebrato la Messa nella grande palestra della Comunità.

In tanti si sono ritrovati per ricordare don Mario: tre generazioni di fiorentini, nonni padri e nipoti che sono cresciuti alla San Michele che il sacerdote creò nel 1957, sessanta anni fa, grazie alle donazioni della fondazione americana volute da Anna Milliken Franchetti.

“Don Mario è stato un tassello indispensabile del mosaico della nostra Chiesa fiorentina – ha aggiunto il cardinale – e insieme a don Ajmo Petracchi, protagonista di un  momento irripetibile nel quale si affermava un nuovo umanesimo cristiano”, fatto di libertà, bellezza e giustizia.

Bassetti ha ricordato il sindaco Giorgio La Pira “che seppe interpretare in un momento drammatico l’anima misteriosa di Firenze”. Ma La Pira da solo, senza personalità come don Lupori, “non avrebbe potuto fare nulla”.  La Comunità San Michele è nata in questo contesto di solidarietà e intelligenza: l’educazione allo spirito critico di don Mario e la “intelligenza del cuore” di don Ajmo,  al di fuori di devozionalismi e spiritualismi, con l’attenzione all’uomo, ai suoi bisogni e alle sue più profonde aspirazioni.  “Quella che ci è stata lasciata a Firenze – ha concluso Bassetti – non è legata a un passato lontano, ma una promessa da costruire”.

Al termine della cerimonia GiovannI Lupori, nipote di don Mario, ha consegnato il Premio intitolato al fondatore della San Michele a Eraldo Affinati, in segnante e scrittore, fondatore della Penny Wilton  una scuola di lingua italiana per stranieri, per la sua attività di educatore e di accoglienza nei confronti degli immigrati.

 

sanmichele2

Durante tutte le fasi della celebrazione è stato distribuito il volume “Don Mario in cattedra”  realizzato da Stampeditore per la Comunità, che contiene le lezioni di Storia della Chiesa tenute da Lupori nel corso di venti ann di insegnamento al Seminario maggiore di Firenze.

Print Friendly


Translate »