Dussmann, 100% di adesione allo sciopero contro il “tradimento” degli accordi | StampToscana
energee3
logo stamptoscana
thedotcompany

Dussmann, 100% di adesione allo sciopero contro il “tradimento” degli accordi Breaking news, Cronaca

Treno_pendolari_firenze_smn_-_Copia.jpg

Firenze – La Dussmann è una Srl che fornisce servizi di pulizia e sanificazione. Con uno sconto su base d’asta pari al 20%  (4,51 milioni invece di 5,5), vince  un appalto per 6 anni (3+3) per uno dei tre lotti banditi da Trenitalia. Si impegna anche a riassumere tutti i lavoratori. Ma, dopo appena un mese, annuncia ai sindacati l’esubero del 30% del personale, chiedendo i contratti di solidarietà.

“E’ la paradossale vicenda della Dussmann che si è aggiudicata uno dei tre lotti banditi da Trenitalia per la pulizia dei treni del trasporto regionale in Toscana – denunciano i sindacati – paradossale perché oltretutto per quel bando di gara erano stati stanziati circa il 15% di risorse in più rispetto alla gestione precedente”. 

Un motivo valido per partecipare allo sciopero indetto oggi per 4 ore e che ha visto l’adesione totale dei 120 lavoratori coinvolti, mentre i rappresentanti di Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti, Fast, Ugl trasporti e Salpas-Orsa tenevano una conferenza stampa a Firenze.
“Il 31 Ottobre scorso – hanno detto i sindacalisti – abbiamo firmato con Dussmann un accordo in sede di unità di crisi della Regione Toscana che garantiva la riassunzione di tutto il personale impiegato in quell’appalto. Un accordo che Dussmann ha tradito fin da subito, accusando mancato fatturato per ‘colpe’ di Trenitalia e giocando sui rimpalli di responsabilità, fino a dichiarare esuberi per il 30% e trasferimenti coatti del personale.” L’azienda infatti ha anche deciso di spostare 14 lavoratori su un altro appalto, a partire dal prossimo 6 Marzo. “Una scelta inaccettabile – dicono i sindacati – e ingestibile per i lavoratori, perché si tratta di persone con contratti part-time che saranno spostati da sedi di lavoro sulla costa toscana, dove vivono, a Firenze.”
Per questo i sindacati chiedono a Dussmann di rispettare gli impegni presi, alla Regione Toscana di sostenerli facendosi garante dell’accordo (perché firmato all’unità di crisi e perché le risorse stanziate per il trasporto regionale arrivano dalle sue casse) e a Trenitalia di fare chiarezza sulle accuse rivoltele da Dussmann. “Non è possibile che in questo gioco di rimpalli – dicono – a rimetterci siano i lavoratori e la qualità del servizio per i viaggiatori, visto che con meno persone al lavoro i treni non potranno certo essere più puliti.”
Per questo Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti, Fast, Ugl e Orsa annunciano fin da subito che se non verrà revocata la procedura di trasferimento dei 14 lavoratori, proclameranno un nuovo sciopero, stavolta per l’intera giornata ed esteso a tutto il settore delle pulizie sui treni regionali, con una manifestazione regionale.
Print Friendly

Lascia un commento


Translate »