Fattoria medicea Cascine di Tavola, Italia Nostra chiede lo scudo dell’Unesco | StampToscana
energee3
logo stamptoscana
thedotcompany

Fattoria medicea Cascine di Tavola, Italia Nostra chiede lo scudo dell’Unesco Cronaca

fattoria medicea cascine di tavola

Firenze – Dopo più di dieci anni, Italia Nostra continua a non mollare la presa. Continua a difendere il patrimonio storico e artistico del nostro paese rappresentato dalla Fattoria Medicea di Poggio a Caiano. Oggi alle Giubbe Rosse, in contemporanea con la presentazione della candidatura di Claudio Borghi, Maria Rita Signorini ha ribadito l’importanza del luogo – a pochi metri della Villa di Poggio – a suo tempo preposto principalmente dai Medici ad attività agricole e di svago. Che oggi è ridotto a un rudere.

La storia degli ultimi anni ci è passata sopra: prima trasformandolo in area per appartamenti di lusso – “una destinazione d’uso incompatibile con la natura storica del complesso”, per Italia Nostra – e poi abbandonandolo ai danni delle intemperie dopo che i proprietari erano falliti. Inoltre si sono verificati “irregolarità nel processo di approvazione dell’intervento di recupero, atti di vandalismo e furti durante i lavori, mancata tutela del bene durante il sequestro disposto dalla Magistratura”, contribuendo a danni che, se non affrontati in tempo, potrebbero risultare irreversibili.

Italia Nostra per questo chiede di destinare fondi straordinari almeno per la “messa in sicurezza del bene”. E auspica che esso sia riconosciuto dalla Soprintendenza come annesso alla Villa di Poggio a Caiano, da due anni patrimonio Unesco. Una volta sotto l’ala dell’Unesco, infatti, sarebbe possibile richiedere il contributo di fondi europei per ristrutturale le Cascine di Tavola. In tutto Signorini stima la necessità di un ammontare pari a 15 milioni e sollecita le istituzioni a trasformare il luogo in una “Fattoria Modello” sfruttando l’occasione dell’Expo proprio in questa zona Lorenzo il Magnifico diede avvio a molteplici attività agricole e di allevamento, alla produzione di formaggio, dalla coltivazione di orti e frutteti all’allevamento di api e bachi da seta, fino all’introduzione della coltivazione sperimentale di riso (la prima in Toscana).

Print Friendly

Lascia un commento


Translate »