Geotermia, la rivolta dei sindaci | StampToscana
energee3
logo stamptoscana
thedotcompany

Geotermia, la rivolta dei sindaci Ambiente, Breaking news, Cronaca

cartina geotermia

Firenze – Rischia di assumere l’aspetto di uno scontro dalle conseguenze imprevedibili, ciò che si sta preparando circa la decisa svolta verso il geotermico che segna la politica energetica della Regione Toscana. A metterlo in evidenza, la decisione da parte di molti sindaci (28 ad oggi) delle aree regionali individuate per le loro potenzialità geotermiche (alcune delle quali soggette a questo tipo di sfruttamento da oltre un secolo, altre nuove di zecca) di dichiarare l’intero territorio comunale di loro competenza “non idoneo” al 100%. E’ questa la risposta alla richiesta della Regione di “segnalare” eventuali aree non idonee, rivolta appunto ai primi cittadini.

A registrare il risultato, il Comitato Difensori della Toscana, che, con un certosino lavoro di ricerca, sono andati a scartabellare gli albi pretorio dei Comuni interessati per raccogliere i dati, visto che la Regione non ha ancora deliberato né pubblicato niente su questo argomento, nonostante avesse dovuto farlo entro il 30 novembre 2017, come ricordano dal Comitato.

“La notizia è che i nostri sindaci si stanno opponendo all’espansione della geotermia e la tabella riassuntiva che segue lo dimostra” è la conclusione del Comitato Difensori della Toscana. 

Ed ecco gli ultimi aggiornamenti al 15.04.2018 della ricerca svolta: i Comuni che ad oggi hanno deliberato e inviato i documenti alla Regione sono in totale 51: Castel del Piano, Montecatini Val di Cecina, Radicofani, Castelnuovo Val di Cecina, Radicondoli,  Abbadia San Salvatore, Chiusdino, Monteverdi Marittimo, Piancastagnaio, Pomarance, Roccalbegna,  San Casciano dei Bagni, Monterotondo Marittimo, Montieri, Castagneto Carducci, Guardistallo, Casole d’Elsa, Castell’Azzara, Castiglione d’Orcia, Follonica, Montalcino, Monticiano, Riparbella, Scansano, Scarlino, Seggiano, Bibbona, Campagnatico, Cinigiano, Roccastrada, Semproniano, Volterra, Cetona, Gavorrano, Pienza, Sarteano, Sovicille, Casale Marittimo, Empoli, Ponsacco, Chianni, Magliano in Toscana, Palaia, Terricciola, Montescudaio, San Quirico d’Orcia, Bientina, Capannoli, Casciana Terme/Lari, Castelfiorentino e Pistoia.

Le proposte dei Comuni sono state raggruppate in una casella dropbox::

https://www.dropbox.com/sh/e4t03r09vb5akoj/AAA34BEVHC9vo3VYiJM_m7FDa?dl=0

Mancano ancora i documenti dei seguenti Comuni: Piancastagnaio, Monterotondo Marittimo, Montieri, Ponsacco, Gavorrano, Pistoia, Castelfiorentino.

 

Print Friendly

Lascia un commento


Translate »