Geotermia, indagati amministratori Enel, anche dall’Europa controlli sulle emissioni | StampToscana
energee3
logo stamptoscana
thedotcompany

Geotermia, indagati amministratori Enel, anche dall’Europa controlli sulle emissioni Breaking news, Cronaca

geotermico sull'amiata

Grosseto – Forse qualcosa sta cambiando, nell’equazione “geotermia- energia sempre sostenibile e pulita”. La prova potrebbero essere le indagini che il Gip di Grosseto ha messo in atto, e che hanno ad oggetto le emissioni, che potrebbero risultare fuori norma, delle centrali geotermiche di Bagnore sull’Amiata. Tant’è vero che sotto indagine è finito Massimo  Montemaggi, Amministratore di Enel Green Power, indagato per le emissioni delle stesse centrali amiatine e il procuratore speciale Paolo Orsucci. Per entrambi, l’ipotesi di reato sono  “getto pericoloso di cose e inquinamento”.  E intanto al Parlamento europeo si prende atto che la geotermia non sempre è pulita e rinnovabile.

 L’indagine che ha portato all’ammissione, da parte del Gip di Grosseto Marco Mezzaluna dell’incidente probatorio, affidando l’incarico al perito, per mettere in atto la perizia che ha per oggetto la conformità o meno alla normativa di settore delle emissioni relative agli inquinanti Ammoniaca e Mercurio e l’adozione di ENEL delle migliori tecnologie disponibili per contenere l’attività inquinante, è  stata attivata da un esposto del comitato di cittadini  SOS Geotermia. Del resto, proprio questi cittadini avevano divulgato alcuni documenti, nell’ambito di riviste scientifiche, mai smentiti,  che risalgono da un lato agli studi del professor Riccardo Basosi dell’Università di Siena sulla illegalità degli inquinanti emessi dalle centrali di Santa Fiora in cui, con il contributo del dottor Bravi, si punta il dito sul nuovo impianto di Bagnore, dall’altro agli studi del Dipartimento di Ingegneria industriale dell’Università di Firenze. Per quanto riguarda questi studi, la bocciatura del geotermico non è affatto netta, ma dipende in buona sostanza dalle diverse soluzioni tecnologiche applicabili. Inoltre, un ruolo consistente gioca anche la formazione geologica del sito. Si pensi che, sull’Amiata, gli impianti esistenti  emettono il 43% di tutte le emissioni regionali di ammoniaca. Dato molto allarmante per la salute, come sottolineano i comitati, in quanto si tratterebbe di “diverse migliaia di tonnellate all’anno di ammoniaca”. Valori che cadrebbero sotto le norme europee in materia.

Senza contare che, per quanto riguarda il Parlamento europeo, su iniziativa dell’onorevole Tamburrano,  il 17 gennaio è stato approvato “l’impegno della Commissione, entro il dicembre 2018, di valutare la necessità di una proposta legislativa intesa a regolamentare le emissioni, da parte delle centrali geotermiche, di tutte le sostanze, tra cui il CO 2 , che sono nocive per la salute e ambiente, sia nelle fasi esplorative che in quelle operative, sulla base della considerazione che, a seconda delle caratteristiche geologiche di una determinata zona, la produzione di energia geotermica può generare gas a effetto serra e altre sostanze dai liquidi sotterranei e da altre formazioni geologiche del sottosuolo e che gli investimenti dovrebbero essere mirati esclusivamente alla produzione di energia geotermica a basso impatto ambientale, con conseguente risparmio di gas a effetto serra rispetto alle fonti tradizionali”.

Intanto, con una nota, l’Enel chiarisce alcuni punti: “In riferimento all’azione della procura di Grosseto inerente le tecnologie geotermiche, la situazione emissiva e la sostenibilità dei sistemi geotermici riconducibili alle due centrali di Bagnore 3 e Bagnore 4 nel territorio comunale di Santa Fiora, Enel Green Power si rende disponibile a tutte le verifiche e i controlli del caso e precisa quanto segue:

le tecnologie adottate da Enel Green Power a Bagnore sono ad oggi le Migliori Tecnologie Disponibili (MTD) per i campi geotermici italiani, caratterizzati da alta entalpia. In tali campi Enel Green Power applica sistemi impiantistici a “Flash e condensazione”, dotati delle migliori tecnologie a livello internazionale, sia per le centrali dell’Amiata che per quelle dell’area cosiddetta “tradizionale” di Larderello, sviluppati in seguito ad oltre 30 anni di esperienza.

 - Tra le principali tecnologie utilizzate Enel Green Power ha brevettato e realizzato gli impianti AMIS (Abbattimento Mercurio e Idrogeno Solforato), che sono stati installati su tutti i 34 impianti geotermici toscani e abbattono le emissioni di Idrogeno Solforato e Mercurio. A questo proposito, è importante ricordare che, secondo tutti gli organismi scientifici internazionali, quelle geotermiche sono emissioni “sostitutive di emissioni naturali”, perché la geotermia non è caratterizzata da un processo di combustione e non aggiunge alcuna emissione rispetto a quella che la natura farebbe da sola in modo diffuso.

 - Agli impianti AMIS si associano anche le migliori tecnologie di riduzione del Drift (goccioline trascinate nei dintorni dell’impianto dalla torre di raffreddamento, da cui esce per oltre il 99% vapore acqueo) grazie ai cosiddetti “demister” (pacchi antitrascinamento) di nuovo tipo. Grazie a tali innovative tecnologie questo tipo di fenomeno si è ridotto di oltre dieci volte arrivando addirittura a garantire un apporto, nel suolo circostante, di concentrazioni di specie in accumulo, per tutta la vita dell’impianto, inferiore al limite consentito per i suoli di terre destinate a verde.

 - Nei campi geotermici, in cui è presente una quantità di ammonica maggiore come in Amiata, Enel Green Power ha inoltre messo a punto e sperimentato con successo una tecnica di abbattimento dell’ammoniaca, tale da ridurre fino al 90%, questo tipo di emissioni. Le soluzioni adottate si sono rivelate così efficaci da rendere le emissioni residue di ammoniaca simili nell’area amiatina e in quella tradizionale.

 - È opportuno precisare inoltre che, oltre ai valori emessi (emissioni), hanno sostanziale rilevanza le quantità presenti nelle ricadute in aria ambiente (immissioni), che sono da tempo monitorate costantemente attraverso le stazioni di qualità dell’aria (una rete di ben 18 stazioni in tutto il territorio geotermico toscano) che monitorano in continuo il tracciante principe della geotermia, l’idrogeno solforato. Per altre sostanze come particolato sottile, mercurio, arsenico, ammoniaca, boro e radon vengono fatte campagne di monitoraggio periodico sia da Arpat che da Enel Green Power (sotto il controllo di Arpat). Nella sostanza i livelli delle specie misurate in aria ambiente sono ordini di grandezza inferiori ai valori limite di riferimento dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). Dalle attività di monitoraggio nel corso degli anni si evince che le emissioni complessive delle specie presenti nei fluidi geotermici (idrogeno solforato, mercurio e arsenico) si sono attenuate negli anni; l’ammoniaca, nel campo geotermico di maggiore attenzione (Bagnore), presenta valori in aria ambiente di un ordine di grandezza inferiore ai valori di riferimento dell’OMS; il particolato sottile ha valori di concentrazioni in aria paragonabili allo standard di miglior qualità delle foreste Casentinesi”.

 

 

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email


Translate »