Imprese e tecnologia, un rapporto difficile | StampToscana
energee3
logo stamptoscana
thedotcompany

Imprese e tecnologia, un rapporto difficile Cronaca

P1030734.JPG

L’imprenditore medio italiano ha un rapporto difficile con le nuove tecnologie. E’ quanto emerge dall’elaborazione di dati Istat svolta da Confartigianato Firenze che, in sinergia con Camera di Commercio Firenze, ha aperto lo sportello “Web info point” per offrire alle imprese del territorio consulenza sulle potenzialità del web.
Il 71,9 degli imprese risulta dotata di personal computer e il 91,3% utilizza la posta elettronica, ma questo certo non basta per promuoversi ed entrare nel mercato globale.
In un mondo ormai dominato dalle nuove tecnologie, solo il 67,9% degli imprenditori telefona via Skype, 1 su 5 colloquia via internet con la Pubblica amministrazione e comunque preferisce recarsi direttamente in banca piuttosto che accedere all’home banking (47%).

Ma il vero problema è la diffidenza verso l’e-commerce. Solo il 19,1% delle vendite delle piccole imprese italiane è realizzato online. Va un po’ meglio in Toscana dove si raggiunge il 22%, ma rimane l’idea diffusa che il contatto diretto con la clientela sia preferibile (62,8%) e che la rete offra scarse garanzie di sicurezza (48,3%).
Eppure – ha detto Gianna Scatizzi, presidente Confartigianato nel presentare l’iniziativa – proprio il commercio elettronico può rappresentare una significativa opportunità, sia perché ha ampi margini di sviluppo, sia perché in questo contesto economico dalla domanda interna debole, il canale internazionale si presenta come un’ottima possibilità di contrastare la crisi e dare il via a nuove politiche di crescita. A maggior ragione in territori adorati all’estero come Firenze e la Toscana”.
A questo si aggiunga che “il commercio online è l’unico indicatore economico che in questo periodo di crisi ha un segno positivo in tutti i settori – ha sottolineato Fabio Masini, responsabile delle categorie economiche di Confartigianato -. Ed è dunque  da sfruttare in particolare per le piccole e micro imprese”.

5657567.pngPer raggiungere l’obiettivo, il progetto “Web info point” si apre a consulenze a 360 gradi: dall’uso dei social a quello dell’home banking fino alla grafica, traduzioni e sistemi di pagamento. Ad offrirlo le imprese fiorentine dei settori informatica, comunicazione, marketing, grafica, telecomunicazioni. Un comparto con 3.335 imprese attive a settembre di quest’anno, che risulta il più dinamico con una crescita di + 2,5 punti percentuali dal 2009 al 2012.
Lo Sportello Web Info Point è un esempio  forte  di questo scambio virtuoso. – ha detto Vasco Galgani, presidente della Camera di Commercio di Firenze -. Le imprese da questa sinergia avranno molte più certezze e la fiducia di potere contare su un supporto costante che non le lascerà sole nel mercato globale”.
Via dunque ad una opportunità di ingresso in un sistema aperto che offre ancora ampi margini di sviluppo, raggiunge più consumatori, e soprattutto consente di abbassare i costi dei prodotti.

Orario sportello:
lunedì – giovedì 8.30-13.00 14.00-17.00, venerdì 8.30-13.00
riceve solo su appuntamento tel. 055 732 691
info@confartigianatofirenze.it

Giovanna Focardi Nicita

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento


Translate »