La deputata senegalese Mame Fam: “Tutto ciò non accada mai più” | StampToscana
after festival reggio emilia
logo stamptoscana
badzar
after festival reggio emilia
badzar

La deputata senegalese Mame Fam: “Tutto ciò non accada mai più” Breaking news, Cronaca

Firenze – Una delegazione senegalese, con il console onorario a Firenze, Eraldo Stefani e la deputata dell’Assemblea nazionale senegalese, Mame Diarra Fam, è stata ricevuta a Palazzo Sacrati Strozzi dall’assessore regionale alla presidenza, Vittorio Bugli.

“Non vogliamo che quanto è successo sette anni fa in piazza Dalmazia e ieri sul ponte Vespucci, accada ancora. Chiediamo che tutto questo finisca, una volta per sempre”, ha detto la deputata.

Mame Fam, che indossava una fascia a strisce rossa, gialla e verde, i colori della bandiera del suo Paese, ha poi aggiunto di non credere alla casualità, quanto piuttosto alla premeditazione, ma di aver fiducia che saranno gli inquirenti italiani a fare chiarezza su questo punto.

“Siamo soddisfatti – ha poi concluso – dell’accoglienza ricevuta in Regione, così come del post di solidarietà per il nostro Diene Idy che il presidente Rossi ha messo sul suo profilo facebook. Ci aspettiamo che si vada fino in fondo e che si faccia piena luce su questa vicenda”.

L’assessore Vittorio Bugli si è detto incredulo che un altro episodio gravissimo sia potuto accadere in una città democratica come Firenze.

“Anche noi siamo convinti che gli inquirenti riusciranno a fare piena luce sull’accaduto. Voi – ha aggiunto rivolgendosi agli ospiti senegalesi – avete dato prova di senso di responsabilità, dimostrando che non si risponde con la violenza alla violenza. Siamo stati al vostro fianco nel 2011 e continueremo ad esserlo anche in questa dolorosa circostanza. La vostra comunità, lo dico per esperienza diretta, ha sempre dato prova di pacatezza, tranquillità e maturità. Avete sempre suscitato nelle istituzioni, anche in quella che rappresento, il rispetto e la convinzione che siete animati dalla volontà di far crescere questo territorio. Insieme dobbiamo fare in modo che questo drammatico fatto di sangue rimanga il solo a macchiare la città e questa regione”. Commentando l’episodio che nel pomeriggio ha visto il sindaco di Firenze contestato, spintonato e costretto ad allontanarsi dal ponte Vespucci dove era invitato dalla dalla comunità senegalese, l’assessore Bugli ha detto che la Regione “condanna fermamente chi intende strumentalizzare il dolore di un’intera comunità” e ha espresso tutta la sua solidarietà al sindaco Dario Nardella vittima di un’inaccettabile aggressione.

Print Friendly, PDF & Email


Translate »