Alla scoperta dei sotterranei della Fortezza da Basso | StampToscana
energee3
logo stamptoscana
thedotcompany

Alla scoperta dei sotterranei della Fortezza da Basso Video del Giorno

Firenze - Per l’estate 2018 alla proposta divalorizzazione delle torri, delle porte e del sistema difensivo cittadino si aggiunge un’importante novità: il Forte San Giovanni - più noto come Fortezza da Basso, monumento storico al centro dell’offerta fieristico-congressuale di Firenze Fiera.Il grandioso fortilizio ‘mediceo’ si apre per la prima volta al pubblico per mostrare a cittadini e visitatori tutto il suo storico splendore. Dopo la riapertura nel 2011 della Torre di San Niccolò – a cui si sono aggiunte nel corso degli anni la Torre della Zecca, Porta Romana e Baluardo a San Giorgio – un altro importante tassello va a comporre l’importante progetto di valorizzazione e riscoperta del sistema difensivo della città di Firenze.

Una proposta particolarmente apprezzata dai fiorentini e non solo, che hanno risposto con entusiasmo con il tutto esaurito per i primi turni di visita (sabato 7 luglio) e grande richiesta anche per gli appuntamenti successivi.

 “Fu sollecitato il Duca Alessandro dallo zio Pontefice a fabbricare una Fortezza…”: così le antiche cronache ricordano la fondazione del Forte San Giovanni, la cui progettazione fu affidata ad Antonio da Sangallo il giovane. Destinata a una doppia funzione di difesa dai nemici esterni e interni, la fortezza mostra ancor oggi gran parte dell’originaria struttura che ingloba anche la medievale porta Faenza. Durante la visite sarà possibile comprendere meglio l’architettura e le strategie difensive, ammirare la città dall’alto del mastìo e percorrere una parte del camminamento di ronda sotterraneo, per la prima volta aperto al pubblico. Un percorso attraverso i secoli, dal medioevo alle trasformazioni Lorenesi fino alla rinascita grazie agli interventi di recupero e ammodernamento degli spazi a cura di Firenze Fiera.

 “Aumentiamo l’offerta e l’accessibilità di luoghi storici della nostra città per lungo tempo inaccessibili al pubblico – commenta il sindaco Dario Nardella – convinti che Firenze abbia moltissimo da offrire anche al di là delle bellezze canoniche. La grande risposta dei cittadini per questi appuntamenti, dalla Torre di San Niccolò a Porta Romana fino alla recente preview della Torre di San Frediano, dimostra che questa è la strada giusta per ‘riappropriarci’ della nostra storia e della nostra memoria”.

Le visite guidate, curate da MUS.E, si svolgeranno ogni sabato mattina da luglio a settembre in tre turni (ore 9.30, 10.30, 11.30). I percorsi sono ad ingresso libero, con prenotazione obbligatoria.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento


Translate »