energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

2014, ancora segno meno per l’occupazione toscana Società

Firenze – Unioncamere Toscana illustra un quadro dell’occupazione regionale a tinte cupe: nel 2014, infatti, dovrebbero essere 11.500 i posti in meno. Tuttavia, come sottolinea la stessa associazione, nel 2013 la perdita era stata più alta, vale a dire che i posti in meno erano 17.300.

Stando alle previsioni, dunque, anche per il 2014 del lavoro in Toscana vedrà segno meno: secondo i dati Excelsior di Unioncamere, la variazione occupazionale prevista per l’anno in corso, ovvero il saldo tra nuovi avviamenti e perdite di posti di lavoro, è negativo per oltre 11.500 unità, contro il -17.300 del 2013.

La riduzione, secondo quanto spiegato, è dovuta prevalentemente ai contratti di lavoro dipendente a tempo determinato e indeterminato (-12.460 unità, contro il +950 degli atipici). Dando uno sguardo ai settori, la perdita di posti di lavoro prevista è lievemente più elevata nell’industria (-5.960) che non nei servizi (-5.560).

Sui numeri continua a incidere l’andamento delle costruzioni (-5,1%, per un saldo negativo di 2.710 unità), più che l’industria in senso stretto (-1,3% e -3.210), mentre fra i servizi (-1,5% e -6.450) incidono soprattutto i saldi negativi del commercio (-1,8% e -2.310) e del turismo-ristorazione (-2,1% e -1.370).

Delle assunzioni programmate 3.130 saranno rivolte a laureati, 16.020 a diplomati, 6.030 a persone in possesso della qualifica professionale e 14.900 riguarderanno figure per cui non è richiesta formazione scolastica specifica.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »