energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

25 aprile: a Certaldo il sindaco chiede poesie, disegni, messaggi Notizie dalla toscana

Certaldo – Anche Certaldo si appresta a festeggiare il 75° Anniversario della Liberazione in modo diverso dal solito; diverso ma non per questo meno sentito e partecipato. Anzi, proprio prendendo spunto dalla limitazione della libertà che ciascuno di noi si sta autoimponendo per motivi di sanità pubblica, il sindaco Giacomo Cucini invita tutti i certaldesi, in vista del 25 aprile 2020, a realizzare ed inviare pensieri, poesie, disegni, messaggi audio video e altro ancora, per costruire un racconto collettivo sul valore della libertà.

“Il 25 aprile è la data fondamentale che ci ricorda la Liberazione dell’Italia dalla dittatura nazifascista. Da lì, dalla lotta di Resistenza, è iniziato il riscatto – ricorda il sindaco Giacomo Cucini – il recupero della vita vera, ma anche l’acquisizione di tutte le nuove libertà democratiche, collettive ed individuali, cresciute fino ad oggi.

Per il 25 aprile 2020 stiamo valutando la possibilità di fare un omaggio, in presenza, con la deposizione di corone di fiori, ma certo non potremo fare la celebrazione come avviene di consueto. Per questo, invito tutti i certaldesi, di ogni età, sia come singoli che come famiglie, a farci avere fin da subito un pensiero scritto, un messaggio audio o video, un disegno, dedicati al “valore della libertà”.

In questi giorni nei quali siamo costretti ad una limitazione, necessaria per il bene collettivo, dei nostri movimenti, proviamo a pensare ai milioni di italiani che per anni hanno dovuto vivere nella paura, limitati nella libertà di parola, di associazione, di espressione della propria idea intellettuale e politica. A pensare ai milioni di donne e uomini, bambine e bambini, segregati, deportati, uccisi. Questo 25 aprile può essere davvero occasione per un pensiero più profondo e meditato sul valore della Libertà. Aspettiamo il vostro contributo!”.

Foto: Piazza Libertà – la scultura sulla Liberazione di Christian Balzano e il palazzo scolastico con il sacello dei caduti

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »