energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

25 Aprile e contestazione a Salvini: perquisizioni, denunce e accertamenti Breaking news, Cronaca

Firenze – La questura di Firenze si scatena sui disordini del 25 Aprile e procede con gli accertamenti sulle contestazioni al comizio di Salvini del maggio scorso. Per quanto riguarda il 25 Aprile, nel mirino il gruppo di giovani organizzato da Iam (Iniziativa antagonista metropolitana) che, esattamente come un anno prima, aveva tentato di sfondare il cordone di sicurezza per raggiungere la manifestazione ufficiale che si stava tenendo in piazza della Signoria. La Digos ha messo a disposizione della Procura 14 denunce e ieri mattina, martedì 9 luglio, ha compiuto tre perquisizioni a carico di tre minorenni (uno dei quali nel frattempo, ha compiuto il diciottesimo anno d’età). Fra i reati contestati, resistenza e violenza a pubblico ufficiale, oltraggio e accensione e lancio di cose pericolose. Fondamentale si è rivelato il ruolo delle telecamere di sorveglianza e le riprese della scientifica.

Intanto, vanno avanti anche gli accertamenti sulla contestazione che venne fatta a Salvini, quando, il 19 maggio, venne a Firenze per sostenere con un comizio in piazza Strozzi, la candidatura a sindaco del candidato del centrodestra Bocci. In quell’occasione ci fu un tentativo di forzare il cordone delle forze dell’ordine per portare la protesta nella piazza dove si teneva il comizio del leader della Lega. La Mobile caricò a più riprese, mentre ci fu anche un post su Facebook dove una ragazza denunciò di essere stata picchiata e umiliata con epiteti offensivi e sessisti. Al vaglio ci sono le posizioni di circa trenta persone.

 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »