energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

3800 interventi di riparazione nel bilancio estivo di Acquedotto del Fiora My Stamp

E’ positivo il bilancio di Acquedotto del Fiora Spa per i lavori svolti sulla rete idrica durante i mesi estivi nelle province di Grosseto e Siena.
Il quadro complessivo degli interventi effettuati sul territorio dell’ATO 6 Ombrone è stato presentato oggi, venerdì 23 settembre, in una conferenza stampa nella sede di Grosseto con il Presidente di Acquedotto del Fiora, Claudio Ceroni, l’Amministratore Delegato, Paolo Pizzari, il Direttore Operazioni, Lorenzo Pirritano, il Direttore Amministrativo, Mirko Neri, e il Direttore dell’ATO 6 Ombrone, Paolo Quaranta. Illustrate anche le modalità per ottenere le agevolazioni in bolletta (con sconti del 70% e del 50%) per le famiglie numerose e le utenze deboli.
“Si è appena conclusa un’estate discretamente “tranquilla” in termini di problematiche idriche, che gli episodi delle ultime settimane non possono oscurare. – ha spiegato il Presidente Claudio Ceroni – Specie nella zona Sud della Provincia di Grosseto, tradizionalmente caratterizzata da problematiche nei mesi estivi, abbiamo invece ottenuto risultati migliorativi. Ciò deriva in particolare dalla mole di investimenti che, nonostante le difficoltà economiche in atto, riusciamo a pianificare annualmente per un importo che oscilla tra i 25 e i 30 milioni di euro annui. Si tratta di cifre che contribuiscono a dare anche un importante contributo in termini di sviluppo del territorio”.
Nei tre mesi estivi, quindi, i risultati sono positivi, grazie al lavoro e all’impegno costante dei tecnici e del personale dell’Azienda. Sulla base delle segnalazioni pervenute nell’estate 2011, emerge che la zona in cui si sono verificati il maggior numero di interventi è quella dell’Area Costa che comprende, oltre al comune di Grosseto, i comuni costieri e quelli delle Colline metallifere (Monterotondo Marittimo, Massa Marittima, Roccastrada, Gavorrano, Follonica, Scarlino, Castiglione della Pescaia, Orbetello, Capalbio, Monte Argentario e Isola del Giglio).
Infatti, complessivamente su oltre 10.000 richieste di pronto intervento pervenute da tutto il territorio gestito, circa la metà è riconducibile all’Area Costa, dove si è comunque verificata una diminuzione, passando da oltre 6.000 nell’estate del 2009 a circa 5.000 in quella appena trascorsa. A queste richieste di intervento hanno seguito circa 3.800 interventi di riparazione su tutto il territorio nei 3 mesi estivi.
Nettamente diminuite anche le richieste di rifornimento idrico,  passate  da 347 del 2009, a 137 del 2010,  a 71 del 2011. Come da prassi, i tecnici si sono attivati sulla base delle priorità e sono intervenuti cercando di limitare al minimo i disagi alla cittadinanza. Nei casi in cui l’intervento è stato di tale complessità da dover richiedere l’interruzione della fornitura oltre il periodo consentito, il Gestore si è attivato immediatamente con il servizio di autobotti per garantire comunque un’erogazione regolare.
Del trend positivo ne è un esempio il Comune di Monte Argentario, nel quale le attivazioni del servizio di autobotti  sono passate da 260 del 2009 a 59 del 2010, a 33 del 2011. La situazione è migliorata anche relativamente alla qualità dell’acqua; su tutto il territorio dell’ATO 6 Ombrone, si sono infatti dimezzate le segnalazioni pervenute dalla Asl sui fuori norma microbiologici passando da 24 del 2010 a  12 del 2011.
Agevolazioni sulle bollette idriche applicate dal Gestore
Illustrate anche le modalità per favorire le famiglie tramite le agevolazioni tariffarie in bolletta, in base al “Regolamento utenze deboli”  che disciplina l’attribuzione da parte del Gestore di agevolazioni tariffarie per clienti che versano in situazioni di indigenza. Hanno diritto ad ottenere le agevolazioni, i titolari di utenza domestico residente, nella misura e nei modi previsti dal Regolamento di servizio. Si pensi che nell’anno 2010 sono pervenute al Gestore oltre 1600 richieste con oggetto “utenza agevolata” mentre, al 21/9/2011 ne sono arrivate circa 1000. Delle domande del 2010 (per richiedere l’agevolazione anno 2011), l’Autorità di Ambito ha riconosciuto tali agevolazioni per cui sono state applicate, a seconda dei casi, riduzioni in bolletta del 50 e del 70%. In particolare risultano riduzioni per il 70% ad oltre 1200 famiglie (Utenti con servizio monoconcessione) e per più di 47 al 50%, per un totale di oltre 1290  utenti. Mentre per quanto riguarda gli utenti facenti parte di servizio condominiale, le riduzioni  al 70% hanno interessato circa 70 famiglie e al 50 ne troviamo 2,  per un totale di quasi 190 famiglie. La percentuale di sconto viene applicata agli importi relativi alla tariffa di acqua, fognatura, depurazione e quota fissa. Il risparmio che hanno ottenuto le famiglie varia quindi in percentuale al loro normale consumo. E’ possibile trovare informazioni utili riguardo al “regolamento utenze deboli” oltre che rivolgendosi agli sportelli aziendali dislocati sul territorio, mediante il call center o sul sito web www.fiora.it nella sezione dedicata al “cliente”. Per rendere un servizio di maggiore efficienza al cliente, l’azienda si è inoltre attivata per fornire un nuovo canale di comunicazione che prevede l’invio di una e-mail per avvisare l’utenza sull’emissione della propria bolletta idrica. In tal modo, il cittadino potrà avere notizie sulla bolletta anticipatamente così da consentire di fare preventivamente i controlli e le verifiche necessari. Ricordiamo inoltre la possibilità di fare domanda per le “agevolazioni per le famiglie numerose” prevista invece dalla Regione Toscana che, a prescindere dal reddito, fornisce incentivi alle famiglie con più di tre componenti. Per l’anno 2011 si stima che la Regione concederà contributi che vanno da oltre 380 euro a più di 1400. L’iniziativa, promossa dalla Regione Toscana, in collaborazione con Anci Toscana, Cispel Confservizi Toscana e Associazione nazionale famiglie numerose , prevede il diritto a richiedere la riduzione in bolletta tutte le famiglie con almeno 4 figli – anche maggiorenni – compresi i bambini e i ragazzi in affidamento familiare o in adozione. I contributi sono calcolati in base al numero dei figli e alla fascia di reddito della famiglia, risultante dalla sommatoria dei redditi imponibili di ciascuno dei componenti del nucleo familiare. L’Acquedotto del Fiora sottolinea che per l’anno 2010 sono stati riconosciuti 112 Bonus concessi dalla Regione Toscana, che saranno erogati dal  Gestore nell’anno 2011. Per le domande pervenute in questo anno (2011) si fa presente che l’attività è ancora in corso.

 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »