energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

Il 70° anniversario di Pian d’Albero Notizie dalla toscana

Figline Valdarno (Firenze) – Sono trascorsi 70 anni dall’eccidio di Pian d’Albero, località sulle colline di Figline che il 20 giugno 1944 vide cadere sotto i colpi delle truppe nazifasciste 39 persone, tra cui il dodicenne Aronne Cavicchi, ucciso insieme al padre e al nonno.

Ogni anno il Comune, in collaborazione con Anpi, commemora quel tragico avvenimento, a ricordo perenne di un sacrificio che si colloca nella storia del nostro Paese come una grande dimostrazione di coraggio che permise di liberare Firenze e l’Italia intera dal nazifascismo.

Le celebrazioni si terranno domenica 22 giugno con ritrovo delle autorità e della cittadinanza alle 8,30 presso il municipio di Figline, da dove inizierà il trasferimento verso Pian d’Albero: qui, alle 9,30, si svolgerà la cerimonia civile con la deposizione di una corona di fiori in memoria delle vittime, mentre alle 10,45 la commemorazione si sposterà a Sant’Andrea in Campiglia, dove interverranno la sindaca Giulia Mugnai, la presidente del Consiglio comunale Cristina Simoni, Roberto Nistri della segreteria provinciale dell’Anpi e Rachel Rennie, rappresentante dei veterani della VIII Armata britannica che ha combattuto in Toscana durante la Seconda Guerra Mondiale. A conclusione delle celebrazioni si svolgerà un pranzo presso la sede del Gaib in località Ponte agli Stolli: per prenotazioni rivolgersi alla Camera del Lavoro in piazza San Francesco (055.9152529, costo 15 euro a persona).

“Pian d’Albero rappresenta una delle pagine più drammatiche della nostra storia locale e nazionale, come purtroppo tante altre non lontane da noi – hanno spiegato la sindaca Giulia Mugnai e la presidente del Consiglio comunale, Cristina Simoni -. Quelle stesse pagine, però, tuttora ci indicano che il sacrificio di persone come Aronne, come suo padre e suo nonno, sia servito per aprire una fase nuova in cui libertà e democrazia hanno spazzato via un’epoca buia e dolorosa come il nazifascismo”.

Tutta la cittadinanza è invitata a partecipare.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »