energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

8 marzo: venti grandi donne in Toscana Cultura

Firenze – Un libro, Venti donne in Toscana a cura di Silvio Balloni edito da Polistampa,  vuole essere un omaggio originale alla Firenze al femminile, un modo per rileggere, in maniera inedita, la loro importanza e influenza nella società di ieri e di oggi.

Attraverso le avvincenti biografie viene restituito il ruolo e l’impegno avuto a Firenze tra la fine del Settecento e gli anni Duemila. Ne esce fuori una città ridisegnata e percorsa nelle sue strade, nei suoi palazzi, di cui viene fornita una lettura dalle tante sfaccettature che consente di percepire il cambiamento del ruolo femminile nel passaggio di una decina di generazioni.

Dalla città della “civiltà della conversazione” a oggi, e dal mondo dei salotti letterari in cui le donne di estrazione sociale e culturale diversa furono protagoniste, il volume permette di seguire la storia locale e internazionale, quando Firenze era un importante centro culturale.

Città d’elezione per molte, nate anche in paesi lontani e che hanno poi scelto di vivere in questa regione, Firenze ha esercitato una grande attrazione su artiste, ma anche patriote, cantanti e attrici, storiche dell’arte, traduttrici e costumiste, galleriste e scrittrici.

Tra le pagine di questo libro incontriamo donne che nei salotti letterari hanno radunato un mondo cosmopolita colto, donne che hanno aiutato, a volte amato e sostenuto artisti in difficoltà o che hanno curato cenacoli artistici e letterari di respiro europeo, scultrici apprezzate da un pubblico internazionale che progettavano case-atelier all’avanguardia. Ma anche  patriote che hanno avuto ruoli importanti nel Risorgimento e altre che sono state figure di riferimento durante la Resistenza.

Vite che si sono intrecciate a quelle della grande storia internazionale e altre che hanno svolto ruoli politici , anche se informali, in momenti cruciali della storia patria. Non mancano eccentriche donne di cultura che tra Otto e primo Novecento hanno svolto un ruolo importante nel teatro e nell’arte.

Volete qualche nome? Eccole: Carolina Ungher, Charlotte Bonaparte, Jessie White Mario, Eleonora Duse, Paola Ojetti solo per citarne alcune.

In questo libro vengono narrati mondi quasi antitetici che trovano un fil rouge nella versatilità femminile e che ci fanno ripercorrere e rileggere in filigrana la storia locale, legandola alla grande storia.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »