energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

I 12 mesi che hanno cambiato le nostre vite

Firenze – Immagini surreali quasi senza tempo che resteranno nella memoria di tutti: le piazze storiche toscane deserte, le tute e gli scafandri di medici e infermieri, i bambini che vanno a scuola con la mascherina, gli striscioni con la scritta “andrà tutto bene” , le sessioni musicali sui balconi.

Il 9 marzo 2020 veniva proclamato il lockdown totale in tutti Italia per cercare di fermare la furia del coronavirus che sta ancora imponendo lutti e sofferenza a tutto il mondo. Per  ricordare il primo anno di pandemia il Consiglio regionale della Toscana ha realizzato una pubblicazione  “Lockdown, un anno dopo – I 12 mesi che hanno cambiato le nostre vite nel racconto e nelle immagini dei protagonisti dell’informazione toscana”.

Il volume contiene la testimonianza dei responsabili delle principali testate giornalistiche della Toscana e 50 foto in grande formato scelte fra le migliori realizzate dai loro servizi fotografici. Ci sono per esempio gli scatti di Massimo Sestini che documentano l’eccezionale lavoro di medici e infermieri. Particolarmente impressionanti le foto scattate dall’alto delle piazze più famose e celebrate di Pisa, Siena, Firenze e Lucca. Ciò che colpisce di più il lettore è la perfezione fisica dello scenario storico, dove però è sparita la figura umana come se fosse scoppiata una bomba al neutrone, quella che uccide solo l’essere vivente.

Se si pensa alla regola principe del fotoreporter (mai una scena senza persone) , qui l’impatto della notizia sta tutto nel fatto che le persone non esistono.  Poi improvvisamente riappaiono, prima sui balconi, poi in rade file davanti ai supermercati, poi un po’ più rilassati nell’estate dell’illusione prima che il virus tornasse senza aver perso niente della sua forza letale.

Le ultime foto sono dedicate all’arrivo dei vaccini e ai primi operatori sanitari che lo ricevono. Una speranza sta diventando una realtà, ma la fine di tutto l’incubo è ancora lontana. In questo libro – ha commentato il presidente del Consiglio regionale Antonio Mazzeo – troverete un racconto difficile, che parla anche di migliaia di morti, ma che vuol guardare al futuro con la speranza di una fase nuova, di una vera ripartenza”.

Le immagini contenute nel libro ‘Lockdown, un anno dopo’ sono state messe a disposizione dai quotidiani il Corriere Fiorentino, La Nazione, La Repubblica Firenze, Il Tirreno e sono opera dei fotografi Claudio Giovannini (New Presse Photo) per La Nazione; CGE Fotogiornalismo per Repubblica; Massimo Sestini per il Corriere Fiorentino; Franco Silvi, Dario Marzi, Massimo Matelli, Paolo Barlettani per Il Tirreno e, infine, del freelance Fabio Muzzi.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »