energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Storia di amicizia e ciclismo, sognando i trionfi del Pirata

Firenze – Fabio Genovesi ci trasporta, con una maestria insospettabile, in un legame che unisce Fabio, un ex missionario, e Marco Pantani. Si svolge, alla fine del secolo scorso, con la storia di Fabio, un giovane, universitario di giurisprudenza per dovere, non per una sua precisa passione personale, e un inaspettato incontro con un clericale e il loro reciproco amore per il ciclismo, il Giro d’Italia, il Tour de France e l’eroe di quel tempo, Marco Pantani.

Cadrò, sognando di volareMondadori editore, 2020, è l’ultimo romanzo di Fabio Genovesi, uno scrittore che travolge con la sua scrittura originale, impetuosa e sensibile allo stesso tempo. Attraverso la narrazione piena e minuziosa si scoprono sogni, desideri ed emozioni di una generazione messa a confronto con un mondo genuino di un’umanità struggente talvolta malinconica.

Ma è il ciclismo che domina il regno delle emozioni più intense di Fabio, della sua famiglia e del loro mondo al bar Gazzella, con Marco Pantani detto “il Pirata”, professionista e vincitore, nel 1998 del Giro d’Italia e del Tour de France, che rappresenta l’incarnazione di un sogno, con il suo stile impareggiabile di affrontare le montagne, la fatica e il dolore, l’emblema di un uomo che ha raggiunto l’obiettivo della sua vita.

La scoperta della stessa passione per il ciclismo unisce Fabio a Don Basagni, il direttore dell’ospizio per preti, la struttura montana dove il giovane deve trascorrere un anno di servizio civile. Attraverso questo loro interesse tra l’ex missionario e lo studente di giurisprudenza nasce un’amicizia intensa e surreale, in questo luogo isolato e popolato da pochi esseri umani, Don Mauro, un prete che continua a sistemare un vecchio scuolabus, Flora la donna tuttofare e sua figlia Gina che pensa di essere una gallina, si muove e si ciba come i polli e vive nel pollaio.

In quel piccolo mondo ai margini del bosco Fabio, lo studente ventiquattrenne con tanti desideri ma con le incertezze tipiche della sua giovane età, scopre l’autentica amicizia con un prete allettato, il senso del tempo, della realtà e molto di più. Solo a lui, a don Basagni, racconta il suo disagio e le sue bugie riguardo gli esami universitari, due terzi dei quali mai dati.

Era il tempo sempre uguale e preciso che inesorabile arriva, portandoti addosso tutti i domani che hai usato per evitare qualcosa”.

Una notte che arriva tardi all’ospizio e trascorre la notte fuori sentequante cose stupende c’erano nel mondo, infinite come le stelle che brillavano lassù…”. Pensa a quanto gli piacerebbe lavorare a contatto con la natura e lasciare quel suo mondo di menzogne.

Segue un viaggio speciale con Don Basagni verso la cittadina del Pirata per salutarlo dopo le due imprese vittoriose in Italia e in Francia, sulla scia della musica di Jim Morrison, la sua preferita. Fabio troverà il coraggio di fare delle scelte importanti per la sua vita, di dare una svolta alla sua storia. Dopo tante cadute, ci si può rialzare e si può provare a volare.

Fabio Genovesi “Cadrò, sognando di volare”, Mondadori editore, 2020

 

Print Friendly, PDF & Email
Translate »